L'unico sopravvissuto all'incidente è uno dei cugini di José Antonio Reyes 

bfi

4.6.2019

Keystone

A due giorni dal mortale incidente che è costato la vita al giocatore spagnolo José Antonio Reyes, sono state rese note le cause dello stesso.

Incidente a 237 km/h

L'ex giocatore di Arsenal, Real Madrid e Atletico Madrid viaggiava a 237 km/h sull'autostrada nei pressi di Utrera, la sua città natale. Secondo il 'Mondo Depurtivo' il giocatore avrebbe perso il controllo dello stesso prima di finire fuori strada. Dopo lo schianto la vettura è stata avvolta dalle fiamme, uccidendo lo stesso Reyes, che era al volante, e uno dei due passeggeri, che sedeva dietro.

José Antonio Reyes ha il record di trofei vinti in Europa League: 5 in totale, di cui 3 vinti con il FC Sevilla e 2 con l'Atletico Madrid. 

Il 35enne era padre di tre bambini e giocava in seconda divisione con l'Extremadura. In carriera Reyes vestì per 21 volte la maglia della nazionale spagnola durante i quali mise a segno quattro reti. 

L'immagine postata dal sopravvissuto

L'unico sopravvissuto all'incidente è il cugino di Reyes, Juan Manuel Calderon, che riporta bruciature sul 65% del corpo.

È sul profilo Instagram dello stesso Calderon che è apparsa l'immagine scattata in auto pochi minuti prima del tremendo schianto.  stato lo stesso 

All'interno della Mercedes Brabus S550 con una potenza di 380 cavalli, si riconoscono i tre passeggeri. Sul sedile dietro s'intravede il 23enne cugino del giocatore, anch'esso deceduto. 

Tre in vettura.
Instagram

La camera ardente dove rendere omaggio allo scomparso giocatore è stata allestita all'interno del Ramón Sánchez-Pizjuán, lo stadio del FC Sevilla.

Proprio con il Sevilla Reyes iniziò la sua carriera da professionista nel 2000, prima di passare all'Arsenal nel 2004. 

Tornare alla home pageTorna agli sport