CHL, ultime sfide per approdare agli ottavi

Berna e Zugo ok, Zurigo ad un passo, Mission non-impossible per Lugano 

bfi

16.10.2018

I bianconeri dovranno mettercela tutta per guadagnare l'accesso agli ottavi di finale
Keystone

Stasera scenderanno sul ghiaccio tre compagini svizzere: al Lugano spetta il compito più arduo, lo Zugo è già qualificato, mentre lo Zurigo potrebbe anche perdere. Il Berna - già qualificato - giocherà domani sera. 

Siamo arrivati all’ultima sfida della fase a gruppi di questa Champions Hockey League 2018-2019.

Delle quattro squadre svizzere impegnate, Berna e Zugo hanno già guadagnato la qualificazione per gli ottavi di finale. Lo Zurigo potrebbe anche perdere l’ultima sfida riuscendo comunque a qualificarsi, mentre la truppa di Greg Ireland, stasera in scena in Finlandia, dovrà assolutamente vincere per poter proseguire il  cammino nel massimo torneo continentale, oltre che per ritrovare fiducia e consensi dopo una stagione fin qui non proprio esaltante.

A Jyväskylä, alle ore 18:00 (orario svizzero) HC Lugano e JYP si giocheranno dunque l’accesso agli 1/8 di finale di Champions Hockey League. Il pareggio non è possibile, va da sé dunque che una delle due compagini uscirà vincitrice dalla pista finlandese.

I bianconeri si sono recati in Finlandia con due portieri (Merzlikins e Müller), nove difensori (Vauclair, Ronchetti, Jecker, Chorney, Ulmer, Chiesa, Riva, Loeffel, Wellinger) e dodici attaccanti (Cunti, Hofmann, Fazzini, Haapala, Jörg, Lajunen, Lapierre, Reuille, Sannitz, Vedova, Romanenghi, Walker).

Greg Ireland non potrà schierare i già infortunati prima dell’ultima partita casalinga vinta contro i Lakers, Sartori, Bertaggia, Haussener e Klasen, ai quali si sono aggiunte le assenze di Morini e Bürgler. L’attaccante numero 23 ha riportato una lesione ad un muscolo flessore dell’anca, che lo costringerà ad una pausa di circa 15 giorni, mentre Il 30enne numero 87 è rimasto in Ticino per assistere alla nascita imminente del suo primogenito.

Di seguito vi presentiamo la situazione degli otto gruppi di CHL

Gruppo A:

I Frölunda Indians sono già qualificati, mentre i ZSC Lions, che saranno opposti dei Vienna Capitals - diretti avversari per la qualificazione - non dovranno perdere con più di due gol di scarto per assicurarsi il passaggio del turno.

Gruppo B:

Situazione già risolta in questo gruppo in quanto il Red Bull Munich e i Malmö Redhawks hanno già conquistato la qualificazione.

Gruppo C:

Se il Skellefteå AIK è già qualificato, l’HC Bolzano e l’IFK Helsinki si giocano il secondo posto. I finlandesi devono far meglio degli italiani, in quanto a pari punti il Bolzano beneficerà del vantaggio del tie-break avendo vinto entrambi gli scontri diretti.

Gruppo D:

L’EV Zug e il Cometa Brno sono entrambe qualificate. Inoltre, i tori svizzeri non perderebbero nemmeno il primo posto anche se dovessero perdere l’ultimo incontro.

Gruppo E:

Il Tappara Tampere ha già raggiunto gli ottavi di finale. Il secondo posto a disposizione se lo giocheranno il Djurgården Stockholm e lo Storhamar Hamar. Questi ultimi devono vincere o sperare in una sconfitta dello Stockholm prima della fine dei tempi regolamentari.

Gruppo F:

Già qualificato come primo del primo gruppo è il Kärpät Oulu, mentre i Thomas Sabo Ice Tigers hanno bisogno di almeno un punto per mantenere la seconda e definitiva posizione. I Rouen Dragons, per continuare il loro cammino, non possono far altro che vincere lo scontro’ diretto’ contro gli Ice Tigers.

Gruppo G:

Giochi fatti nel gruppo G, che vede il Berna e i Red Bull Salzburg già sicuri del passaggio del turno.

Gruppo H:

L'HC Pilsen, già qualificato, ha dominato questo gruppo vincendo i cinque incontri fin qui disputati. JYP Jyväskylä e HC Lugano si giocheranno la seconda posizione fino all’ultimo minuto e se necessario, si andrà a giocare 5 minuti di overtime in tre contro tre, con la formula della sudden-death (l’incontro termina al momento della prima realizzazione). Terminato l’overtime si passerà ai rigori.

Tornare alla home page