Non solo in Svizzera

Federer ammalia gli argentini e si commuove per i saluti di Maradona

fon

21.11.2019

Dopo aver salutato il Cile, dove a Santiago ha iniziato la sua Tournée sudamericana, King Roger è giunto a Buenos Aires: accolto come un dio.

Nella seconda delle partite di esibizione durante la sua tournée in Sudamerica, Roger Federer è stato sconfitto da Alexander Zverev in due set con il punteggio di 7-6 (7/2) 7-6 (7-2) a Buenos Aires.

Il tedesco si è preso una piccola rivincita sull'elvetico, che l'aveva sconfitto in tre frazioni nella prima sfida disputata a Santiago del Cile.

Al suo posto avrebbe dovuto esserci Juan Martin Del Potro, ma l'argentino non ha recuperato da un infortunio. King Roger è atteso ora da tre partite in tre giorni: venerdì a Bogotà, sabato a Città del Messico e domenica a Quito.

Durante la partita, tramite un video mostrato sul grande schermo dello stadio, sono arrivati anche i saluti dalla leggenda di casa, Diego Armando Maradona.

«Non c'è nessuno come te - ha iniziato il messaggio El Pibe de oro - dovresti sapere che puoi sempre chiamarmi se hai problemi nel mio paese».

«Un bacione per tua moglie e i tuoi figli. Sei, come mi piace dire, un fenomeno. Eri, sei e sarai per sempre il migliore», ha poi concluso Maradona fra gli applausi del pubblico e la commozione di Roger Federer.

Tornare alla home pageTorna agli sport