Sabatini: «Apprezzo i rovesci di Federer e Stan e il fascino di Fognini»

bfi

11.6.2019

Gabriela Sabatini, 49 anni
Twitter

In occasione del French Open a Gabriela Sabatini è stato consegnato Il Philippe Chatrier Award. La sempre bella ex tennista argentina si racconta. 

Il premio "Philippe Chatrier" è un premio assegnato a chi ha dato un contributo importante al mondo del tennis. Quest’anno è toccato a Gabriela Sabatini, ex tennista argentina, che a cavallo tra gli anni '80 e '90 duellò con Stefi Graf per il titolo di regina del tennis.

Steffi Graf (sinistra) e Gabriela Sabatini, 1999.
Keystone

Chi allora aveva quindici anni e seguiva il tennis non avrà certo dimenticato le belle sfide sportive tra l’argentina e la tennista tedesca, avrà ancora negli occhi la bellezza della tennista di Buenos Aires. Molti se ne innamorarono.

La giovane Sabatini.
Keystone

Oggi, la 49enne, vive tra la Svizzera, Miami e la sua natia Argentina.

Del nostro Paese apprezza il fatto di sentirsi libera, di poter fare molto sport, andare in bicicletta soprattutto.

La Sabatini non fa più parte del mondo del tennis, anche se a volte si presta per delle consulenze su chiamata della federazione argentina. Ha una sua compagnia di profumi, un suo brand.

Gabriela Sabatini è sempre ancora in splendida forma, lei stessa ammette di praticare ancora dello sport «anche se ho perso della muscolatura. Ma questo fa parte dell’età.»

A 14 anni vinse il Roland Garros nella categoria junior, poi diventò una delle tenniste più celebri e vincenti di quel periodo. Oggi Gabriela non gioca più, ma segue con interesse sia il tennis femminile che quello maschile.

«Apprezzo i rovesci di Federer e Wawrinka, il fascino dei tennisti italiani»

Alle giovani tenniste consiglia di circondarsi di uno staff fidato, di ritagliarsi del tempo per loro, perché secondo l’argentina oggi c’è molta più pressione rispetto a 25 anni fa, i social media rendono tutto più difficile. La Sabatini crede che nonostante l’età, Serena Williams possa vincere ancora, mentre in campo maschile, apprezza molto i rovesci di Federer e Wawrinka, il gioco del tedesco Zverev e la mentalità del Greco Tsitsipas.

«Apprezzo sempre molto l’aspetto degli italiani, come Fabio Fognini, che è un ragazzo carino e simpatico».

Tornare alla home pageTorna agli sport