«Se potessi rubare un colpo a qualcuno non avrei dubbi»

bfi

2.6.2020 - 14:50

Goran Ivanisevic
Getty

All'ex star del tennis Goran Ivanisevic è stato chiesto quale colpo di un altro tennista gli sarebbe piaciuto avere nel suo bagaglio: il croato non ha avuto dubbi. 

Goran Ivanisevic non è certo un tennista qualunque. Il 48enne croato, in carriera, ha vinto il torneo di Wimbledon nel 2001, issandosi fino al numero 2 della classifica del tennis mondiale. 

Il colpo più invidiato

In un'intervista concessa all'ATP Tour all'ex tennista è stato chiesto qual'è il colpo che ruberebbe ad un giocatore del circuito internazionale.

Il 48enne non ha avuto esitazioni, come si può vedere nel video sotto, in inglese:

«Prenderei il rovescio di Novak Djokovic».

Perché questa scelta?

Ivanisevic spiega che il rovescio dell'attuale numero 1 al mondo ha tutto ciò che si può desiderare: «Il timing, la profondità, il fatto che può colpire la palla cento volte vincendo lo scambio, anche se non è nella posizione ideale».

Come un dipinto di Picasso

L'ex tennista croato descrive il rovescio di Djokovic usando il termine «perfezione». Usando una similitudine, Ivanisevic dice che il colpo a due mani del tennista serbo è «come un dipinto di Picasso».

Ivanisevic non è comunque il solo grande tennista a vedere nel rovescio di Djokovic un colpo davvero micidiale. Come potete vedere nel video qui sotto, sono diversi i grandi del tennis ad aver tessuto le lodi del colpo franco del numero 1.

L'opinione di Rick Macci

Rick Macci è uno dei coach più titolati di sempre, basti pensare che lo statunitense è stato allenatore dei vari Roddick, Capriati, Sharapova e delle sorelle Williams. 

A proposito del rovescio di Djokovic, Macci ha così spiegato la magnitudine del colpo del serbo. 

«Inizialmente Djokovic colpisce con anticipo la palla. In secondo luogo ha un'ottima coordinazione occhio-mano. Terzo, ha un grande equilibrio. Quarto, ha una grande tecnica. Grazie ai grandi muscoli delle gambe, dei fianchi e delle spalle può decidere se giocare un cross o lungo-linea, proprio come facevano Connors e Agassi. Come tutti i grandi giocatori che si servono del rovescio a due mani ha un grande ritorno di servizio».

«"Biomeccanicamente" il suo corpo e la racchetta sono collegati. Non si affida al suo polso, non usa troppo le braccia e sa piegare le ginocchia anche per prendere palline molto basse, che di solito sono più semplice da colpire per i giocatori che hanno il rovescio ad una mano sola. In Djokovic tutto sembra collegato, come un unico pezzo», conclude l'esperto americano.

Tornare alla home pageTorna agli sport