Fabbrica in orbita Produzione di farmaci nello spazio, permesso negato alla navicella di tornare sulla Terra

Di Dirk Jacquemien

27.9.2023

Qui si producono gli ingredienti per i farmaci.
Qui si producono gli ingredienti per i farmaci.
VARDA SPACE

A una fabbrica di farmaci in orbita terrestre è stato negato il permesso di atterrare. Ora è bloccata nello spazio, insieme ai suoi prodotti.

Di Dirk Jacquemien

27.9.2023

Hai fretta? blue News riassume per te

  • Lo spazio, con la sua assenza di gravità, è particolarmente adatto alla produzione di alcuni ingredienti farmacologici.
  • Una fabbrica spaziale ha ora dimostrato con successo il processo.
  • Ma per il momento non può tornare sulla Terra a causa di problemi di sicurezza.

Una fabbrica in orbita terrestre che produce ingredienti per farmaci potrebbe non tornare sulla Terra. L'aeronautica militare statunitense non le ha dato il permesso di atterrare in un sito nello Stato dello Utah. Inoltre, la Federal Aviation Administration (FAA) degli Stati Uniti le ha vietato di rientrare nell'atmosfera terrestre, come scrive «Gizmodo».

La fabbrica spaziale è un'invenzione della start-up statunitense Varda Space. A giugno ha inviato una capsula in orbita terrestre tramite il razzo Falcon 9 di SpaceX. A bordo: attrezzature e materie prime per la produzione di prodotti chimici.

La capsula può rimanere nello spazio per un anno

In particolare, Varda Space vuole produrre nello spazio cristalli di proteine per il farmaco anti-HIV Ritonavir. In assenza di gravità, è possibile produrre cristalli più grandi e più puri. Secondo l'azienda, è riuscita a farlo. Ora vuole riportare a terra i cristalli finiti.

Il 5 o il 7 settembre, la capsula sarebbe dovuta atterrare presso lo Utah Test and Training Range, un'enorme area di addestramento militare grande quanto i Grigioni.

Ma secondo l'aeronautica militare statunitense, Varda Space non ha soddisfatto i requisiti di sicurezza necessari, senza entrare nei dettagli. La FAA ha espresso commenti simili. Varda Space non ha potuto dimostrare di aver soddisfatto i «requisiti normativi».

L'azienda stessa è fiduciosa. La capsula potrebbe rimanere nello spazio fino a un anno, hanno dichiarato, e stanno lavorando con le autorità per riportarla sulla Terra il prima possibile.