Putin compie 70 anni

Ecco perché la piccola spia è diventata un criminale di guerra megalomane

Di Philipp Dahm

7.10.2022

Perché Vladimir Putin è diventato come è? Il nocciolo della questione è una notte a Dresda il 5 dicembre 1989: da agente segreto si fa strada fino a diventare presidente per evitare che si ripetano quegli eventi.

Di Philipp Dahm

7.10.2022

L'inverno del 1989 deve essere sembrato particolarmente cupo a Vladimir Vladimirovich Putin. La glasnost e la perestrojka stanno ammorbidendo l'Unione Sovietica, la sua patria. Quando il 9 novembre cade il Muro a Berlino, Putin assiste al crollo del sistema a Dresda.

Per ben quattro anni, l'allora 37enne ha lavorato come agente del KGB nella Repubblica Democratica Tedesca, la DDR. Un lavoro per il quale si era impegnato fin dalla giovinezza (vedi galleria fotografica in alto). «Era una persona molto calma che pensava a ogni parola», ricorderà in seguito il saldatore Bernd Naumann nella «Süddeutsche Zeitung».

Tra il 1985 e il 1989, Vladimir Putin è stato anche titolare di una carta di servizio del Ministero della Sicurezza di Stato («Stasi») della DDR. La sua data di nascita è indicata erroneamente come 9 ottobre 1952.
Tra il 1985 e il 1989, Vladimir Putin è stato anche titolare di una carta di servizio del Ministero della Sicurezza di Stato («Stasi») della DDR. La sua data di nascita è indicata erroneamente come 9 ottobre 1952.
Ministero della Sicurezza di Stato della DDR/Libero dominio

Il tedesco conosce Putin quando lavora per i russi. I due vanno a pescare a nord di Dresda, visitano i grandi magazzini russi o il pub «Am Thor». L'uomo del KGB non è uno che ama perdere il controllo: «Putin era molto prudente con l'alcol», sa Naumann.

Dopo Berlino, anche Dresda, dove nasce la seconda figlia di Putin, Katerina, è coinvolta nella frenesia della rivoluzione. In primo luogo, il 5 dicembre, l'onda spazza via l'amministrazione distrettuale del Ministero della Sicurezza di Stato: senza violenza, la popolazione impedisce agli agenti della Stasi di continuare a distruggere i documenti.

La notte decisiva a Dresda

I colleghi del KGB dietro l'angolo non sono da meno. Nella Angelikastrasse 4, a circa tre minuti a piedi, bruciano i dossier. «Per salvare le vite delle persone i cui file erano sulla mia scrivania», dice Putin.

L'ufficio sul campo cerca di chiamare in aiuto l'Armata Rossa. Ma si sa, essa si muove solo in coordinamento con Mosca - e il Cremlino non risponde. «Eravamo seriamente minacciati», scrive il futuro presidente nella sua autobiografia. «Ma nessuno ci avrebbe protetto».

L'ex sede del KGB in Angelikastrasse 4 a Dresda in una foto scattata il 24 marzo 2022.
L'ex sede del KGB in Angelikastrasse 4 a Dresda in una foto scattata il 24 marzo 2022.
AFP

Quando i tedeschi arrabbiati marciano dalla sede della Stasi all'edificio del KGB, Putin e un soldato affrontano la folla. Il nativo di San Pietroburgo nasconde con cura il fatto di far parte dei servizi segreti. «Ho detto che ero l'interprete», spiega in seguito.

Riesce a dissuadere la folla dall'assaltare il complesso. Si dice che Putin, pistola alla mano, abbia minacciato di sparare a chiunque fosse entrato in territorio russo. Quando finalmente arrivano i militari sovietici, la folla si disperde.

Accelerazione del declino russo

Nella primavera del 1990, Putin viene richiamato in patria, per poi assistere al suo declino politico e sociale nel decennio successivo. Putin definisce la dissoluzione dell'Unione Sovietica, avvenuta il 26 dicembre 1991, una «tragedia umanitaria» e «uno dei più grandi disastri geopolitici del XX secolo».

Nella sua città natale, San Pietroburgo, il suo ex professore Anatoly Sobchak è sindaco, e nomina Putin capo del Comitato per le relazioni estere della città. Una funzione in cui l'uomo, alto solo 1,70 metri, dovrebbe trasferire fondi in Russia. Già nel 1992 diventa vicesindaco.

Il sindaco Anatoly Sobchak e Vladimir Putin a San Pietroburgo nel 1994.
Il sindaco Anatoly Sobchak e Vladimir Putin a San Pietroburgo nel 1994.
KEYSTONE

Nel 1996, Putin si trasferisce a Mosca e dirige l'amministrazione immobiliare del Cremlino. Fa la gavetta: nel 1997 diventa vice capo della cancelleria del presidente Boris Eltsin, nel 1998 vice capo dell'amministrazione presidenziale e direttore del servizio di intelligence nazionale FSB. Nel 1999 è già Primo Ministro.

Il presidente russo Boris Eltsin (a destra) nomina Vladimir Putin primo ministro il 9 agosto 1999. Il 16 agosto, la Duma lo conferma di stretta misura nella sua carica. Nella foto i due politici si stringono la mano il 31 dicembre 1999.  Boris Eltsin annuncia le sue dimissioni e Vladimir Putin, secondo la costituzione, sarà il presidente ad interim fino alle elezioni di fine marzo 2000. L'ex presidente russo Boris Eltsin muore il 23 aprile 2007 all'età di 76 anni
Il presidente russo Boris Eltsin (a destra) nomina Vladimir Putin primo ministro il 9 agosto 1999. Il 16 agosto, la Duma lo conferma di stretta misura nella sua carica. Nella foto i due politici si stringono la mano il 31 dicembre 1999.  Boris Eltsin annuncia le sue dimissioni e Vladimir Putin, secondo la costituzione, sarà il presidente ad interim fino alle elezioni di fine marzo 2000. L'ex presidente russo Boris Eltsin muore il 23 aprile 2007 all'età di 76 anni
KEYSTONE

Eltsin, molto impopolare in Russia, si dimette il 31 dicembre 1999. Putin assume provvisoriamente la carica, e vince le elezioni per il successore di Eltsin nel 2000 con il 52,9% dei voti. È una carica che lascerà solo una volta fino ad oggi, per insediarvi il suo scagnozzo Dmitry Medvedev fino a quando non si farà eleggere nuovamente presidente.

Putin si fa strada nel cuore degli elettori a suon di bombe

Perché Putin vince le elezioni presidenziali? La sua immagine è plasmata soprattutto da due eventi: dopo aver vinto la guerra del Daghestan, l'esercito russo invade nuovamente la Cecenia il 1° ottobre 1999. Il Primo Ministro Putin vuole dimenticare l'onta della prima guerra cecena persa tra il 1994 e il 1996 con un approccio duro. Questo non è un problema per l'elettorato.

L'invasione della Cecenia è resa possibile da una serie di attentati dinamitardi contro abitazioni russe, che causano 367 morti e oltre 1000 feriti. Il Cremlino identifica i terroristi ceceni dietro gli attacchi e giustifica la rottura del trattato di pace con la repubblica costituente della Federazione Russa.

Oggi si presume che gli omicidi siano stati compiuti dal servizio segreto nazionale FSB. Boris Eltsin, con un indice di gradimento del 2% nell'estate del 1999, non è una persona in grado di fornire a Putin una lettera di raccomandazione attraente per la presidenza. Tuttavia, i bombardamenti e la risposta energica di Putin ribaltano la situazione - si veda il video di «Business Insider» qui sopra con lo storico statunitense David Satter.

Il primo ministro Putin il 6 ottobre 1999.
Il primo ministro Putin il 6 ottobre 1999.
KEYSTONE

Putin sta usando prima delle elezioni presidenziali tattiche che oggi riconosciamo. Utilizza i mezzi dei servizi segreti per ingannare il pubblico. Allo stesso tempo, attira l'attenzione sulle figure di contorno e sui capri espiatori delle minoranze per evitare che la rabbia per la corruzione generale prenda piede.

Il sistema di Putin: a volte lucrativo, a volte duro come l'acciaio

A proposito: Putin ha stretto un patto con gli oligarchi dopo la sua elezione. Finché non si oppongono al sistema, sono autorizzati a incassare. Questi pezzi grossi rilevano aziende statali funzionanti dell'era sovietica, acquistano licenze a basso costo per l'estrazione di materie prime e stipulano contratti lucrosi con lo Stato, per i quali a loro volta pagano i funzionari in nero.

Putin, in qualità di futuro presidente, visita la flotta settentrionale russa nel Mare di Barents il 6 aprile 2000.
Putin, in qualità di futuro presidente, visita la flotta settentrionale russa nel Mare di Barents il 6 aprile 2000.
Getty Images via AP

Nel frattempo, Putin sta consolidando il suo potere respingendo il federalismo e organizzando lo Stato in modo più centralizzato. Non ci deve essere un'ulteriore disintegrazione della Russia. Dopo la sua elezione, il bilancio militare viene aumentato del 50% e importanti aziende della difesa vengono nuovamente nazionalizzate. Nel 2001 ha fondato il suo partito di casa e di corte Russia Unita.

Quando, dopo due mandati, la presidenza è terminata nel 2008, è subentrato il vecchio amico di Putin, Dmitry Medvedev, che ha mantenuto il suo posto per quattro anni, durante i quali il primo ministro ha improvvisamente avuto più potere del presidente. E il suo nome è Putin, ovviamente. Non si lascia sfuggire il tempo, fa cambiare la costituzione e può quindi essere incoronato nuovamente leader del Cremlino nel 2012: d'ora in poi per sei anni invece che per quattro.

Nel 2007, "Time" lo dichiara "Persona dell'anno". L'immagine del fotografo britannico Platon vince nella categoria miglior ritratto al concorso World Press Photo.
Nel 2007, "Time" lo dichiara "Persona dell'anno". L'immagine del fotografo britannico Platon vince nella categoria miglior ritratto al concorso World Press Photo.
Dominio pubblico

In Russia scoppiano proteste per sospetti brogli elettorali, probabilmente alimentate da provocatori, che vengono brutalmente represse. Gli oppositori di Putin sono condannati all'imprigionamento e ai lavori forzati in processi-farsa. Il presidente stringe le redini e adotta misure sempre più dure contro i critici all'estero.

Non vedere nulla, non sentire nulla, non dire nulla

In Occidente, alcuni si stanno rendendo conto che il nuovo, vecchio sovrano del Cremlino non è un uomo facile da trattare. Di recente, Putin ha ripetutamente inveito contro l'allargamento della Nato. «La politica di riavvicinamento all'Europa, che negli anni Novanta era ancora perseguita a Ovest e a Est - anche se a metà - è stata da tempo dimenticata», ha affermato il quotidiano tedesco Die Zeit parlando del presidente russo nel 2013.

Putin nel 2014 occupa e annette la Crimea con una guerra asimmetrica. Le sanzioni si susseguono e l'economia russa crolla, ma il leader del Cremlino può comodamente dare la colpa del peggioramento delle condizioni di vita al nemico esterno in Occidente, mentre all'interno continua a personalizzare e snellire l'organizzazione.

Nel 2015, Putin interviene nella guerra civile siriana, sostenendo il regime del presidente Bashir al-Assad, dove le sue truppe si distinguono per l'attacco ai civili e la commissione di crimini di guerra. Chi contraddice Mosca ne paga le conseguenze. Nel marzo 2017, il giornalista critico Nikolai Andrushenko viene picchiato a morte.

Volodymyr Zelensky e Vladimir Putin si incontreranno di persona per la prima volta a Parigi il 10 dicembre 2019.

Un anno dopo, l'agente doppiogiochista Sergei Skripal sfugge per poco a un tentativo di assassinio con un agente nervino a Londra. Alexei Navalny, che sfugge per poco alla morte nell'agosto 2020, ha un destino simile. L'esponente dell'opposizione si è anche reso l'arcinemico di Putin perché rende visibile la sua enorme corruzione.

Che Putin avrebbe invaso anche l'Ucraina il 24 febbraio 2022 era - a posteriori - prevedibile. La Russia non ha dovuto davvero espiare colpe per l'annessione della Crimea; lo stile di leadership autocratico di Putin rimane in gran parte senza conseguenze. In seguito, l'Europa non ha ridotto la sua dipendenza dall'energia russa, ma l'ha aumentata.

Improvvisamente obbligato ad agire

A quanto pare, l'appassionato di arti marziali non si aspettava che la sua guerra avrebbe rafforzato e unito la resistenza negli Stati Uniti e in Europa, invece di spaccare la comunità. Per la prima volta in più di vent'anni, il suo regno sembra essere minacciato, dopo che l'offensiva in Ucraina è diventata sempre più un problema per Mosca.

Un rapporto sui siloviki russi a cura di «Caspian Report».

Negli ultimi tre decenni, Vladimir Putin ha avuto successo con il suo concetto. Un sistema di oligarchi e siloviki, come viene chiamata la sua cerchia più ristretta, forma una casta politica che si arricchisce e si protegge a vicenda.

La disintegrazione dell'Unione Sovietica e l'impronta del KGB hanno reso Putin quello che è oggi. L'ex agente segreto mantiene il potere con uno Stato centralizzato e l'apparato di sicurezza che lo accompagna. La sua politica è determinata dal nazionalismo religioso e dall'idea del colonialismo sovietico.

Parata della vittoria: il neo-presidente Vladimir Putin e il suo ministro della Difesa Igor Sergeyev a Mosca il 9 maggio 2000.
Parata della vittoria: il neo-presidente Vladimir Putin e il suo ministro della Difesa Igor Sergeyev a Mosca il 9 maggio 2000.
KEYSTONE

Il 7 ottobre 2022, giorno del suo 70° compleanno, Vladimir Vladimirovich Putin vede il sistema da lui creato andare in malora. Probabilmente la sua situazione politica non è mai stata così tesa come oggi. Si deve quindi dubitare che rischierebbe di spazzare via il suo patrimonio, la sua famiglia e la sua camarilla con un attacco nucleare.

Allo stesso tempo, la sua incondizionata volontà di onnipotenza e la sua crudeltà, che si riflettono nelle azioni delle sue truppe, sono indiscutibili.

Gli auguri non sono d'obbligo in questo 7 ottobre 2022.