L'Accademia militare viennese spiega

Kiev rallenta l'offensiva di Putin con tattiche sovietiche

Di Philipp Dahm

19.5.2022

Russian President Vladimir Putin, centre, attends a wreath-laying ceremony at the Tomb of the Unknown Soldier after the military parade marking the 77th anniversary of the end of World War II, in Moscow, Russia, Monday, May 9, 2022. (Anton Novoderezhkin, Sputnik, Kremlin Pool Photo via AP)
Il presidente russo Vladimir Putin durante la Giornata della Vittoria di lunedì 9 maggio 2022.
KEYSTONE/Anton Novoderezhkin, Sputnik, Kremlin Pool Photo via AP

L'offensiva russa nel Donbass è minata da una tattica che l'Armata Rossa utilizzò per vincere la battaglia di Kursk nel 1943. Come nella Prima Guerra Mondiale, si profila una guerra di trincea.

Di Philipp Dahm

19.5.2022

Quando si tratta di aiuti militari per l'Ucraina, un Paese dell'UE è in fondo alla fila: a causa della sua neutralità, l'Austria si limita a fornire equipaggiamento come gilet antiproiettili o elmetti protettivi. Tuttavia, anche le Forze Armate austriache stanno monitorando la situazione al fronte e gli esperti della venerabile Accademia Militare Teresiana di Vienna trasmettono regolarmente le loro scoperte tramite YouTube.

Un'analisi recente della «Battaglia per il Donbass» mostra la popolarità di questi video: sebbene il canale abbia solo poco meno di 76.000 iscritti, il clip è stato visto da circa 880.000 persone in pochi giorni. In esso, Markus Reisner avanza due tesi interessanti, che esamineremo qui in dettaglio.

Il colonnello austriaco riassume come Mosca abbia iniziato l'offensiva di Kiev per spostare «50.000-60.000 soldati, già indeboliti dai combattimenti nei sobborghi di Kiev, per oltre 1.000 chilometri [dall'Ucraina settentrionale] per ferrovia verso l'Ucraina orientale» all'inizio di aprile.

La grande morsa avrebbe seguito il fiume Dnepr. Mosca ha optato per il piccolo accerchiamento, spiega il colonnello Markus Reisner.
YouTube/ÖsterreichsBundesheer

Da metà aprile è in corso la seconda fase della decisione, durante la quale le forze russe hanno cercato senza successo di accerchiare il nemico. «Qui c'erano due opzioni: un accerchiamento in profondità, appoggiandosi al Dnepr, e un accerchiamento breve». Il Cremlino ha optato per quest'ultima opzione, ha detto Reisner.

Terreno, manodopera e fattore tempo

Poiché questo piano dell'esercito russo è fallito, ora si trova in una fase di consolidamento. Nonostante i successi iniziali nella spinta dell'accerchiamento, gli attaccanti hanno fallito a causa della resistenza ucraina. «Non è che le forze russe possano guadagnare rapidamente terreno per avanzare in profondità», afferma il colonnello.

Gli aggrediti hanno allestito diverse linee difensive: si ritiene che ce ne siano tre solo nel calderone. Le foreste e i fiumi della zona avrebbero reso difficile l'avanzata dei russi. Inoltre, 27 brigate sono pronte sul lato dei difensori, il che corrisponde a 81 battaglioni. Mosca attacca con 93 battaglioni. Nell'accerchiamento, 48 battaglioni ucraini avrebbero dovuto affrontare 68 battaglioni russi.

Utilizzando una mappa dell'Istyum nella regione di Kharkiv, il colonnello Reisner spiega chiaramente il ruolo svolto dal terreno: le foreste a est e a ovest rendono difficile l'avanzamento e anche il fiume è un ostacolo. Il collo di bottiglia poteva essere superato solo con ponti di barche.
Google Earth

Secondo la convinzione comune dei militari però, un attaccante deve avanzare con una superiorità quadrupla per poter combattere efficacemente i difensori. Quindi, da questo punto di vista, il Cremlino non ha forze sufficienti per sfondare le linee degli ucraini. E poiché i russi hanno fatto progressi lenti nell'attraversare il confine, anche il fattore tempo gioca a loro sfavore, dice Reisner.

Analogia con la battaglia di Kursk

«Si può notare che le forze ucraine hanno usato gli ultimi anni per scavare in modo massiccio», afferma il capo del dipartimento di sviluppo dell'accademia militare. Per poter attaccare le posizioni ucraine rinforzate la Russia ha bisogno di un'adeguata ricognizione per poter dirigere la propria artiglieria.

E veniamo ora alle tesi dell'austriaco, che sono abbastanza comprensibili dopo le osservazioni iniziali. Il primo è che l'Ucraina sta battendo la Russia con una tattica dell'era sovietica. Reisner fa riferimento alla più grande battaglia di carri armati della storia, svoltasi anch'essa nell'area di Kharkiv: la battaglia di Kursk.

Nel 1943, con la missione denominata «Unternehmen Zitadelle», la Germania nazista tentò di avanzare con massicce formazioni di carri armati per accerchiare e logorare l'Armata Rossa nell'ultima grande offensiva del Reich. Il problema: i difensori avevano avuto abbastanza tempo per prepararsi e godevano di una migliore ricognizione del terreno, grazie alla quale erano riusciti a rinforzare le posizioni nelle quali si erano trincerati.

Una guerra di posizione come «Verdun 1916»

A ciò si aggiunge «l'accanimento» dei russi, che li portò a subire perdite nettamente superiori nel 1943, ma l'accerchiamento fallì e la Wehrmacht dovette interrompere l'attacco dopo undici giorni.

Ora questa storia si sta ripetendo nel Donbass, con i segni invertiti: l'Ucraina ha armato anche i suoi fianchi e sta così eludendo l'accerchiamento russo nel 2022.

La battaglia di Kursk nel 1943 e il Fronte nel 2022: «anni di preparazione in attesa dell'attacco russo» fanno accumulare i soldati di Putin.
YouTube/ÖsterreichsBundesheer

La seconda tesi di Reisner è che oggi esiste la minaccia di una guerra di posizione, che si credeva fosse storia con la fine della Prima Guerra Mondiale. Il colonnello mostra fotogrammi di video di droni in cui sono chiaramente visibili le trincee in prima linea. Mosca sta cercando di sfondare questa linea aumentando l'uso dell'artiglieria.

Trincea in Donbass con postazioni di soldati ucraini (cerchiati in giallo) ed esplosioni di proiettili di artiglieria (rosso).
YouTube/ÖsterreichsBundesheer

«La linea di trincea si estende da nord a sud», sottolinea. È come in «Verdun 1916»: «la parte ucraina sta cercando di logorare i russi in modo che questo attacco non sia più possibile». Mosca sta cercando di aumentare il suo potere d'attacco utilizzando l'arma convenzionale più pericolosa della Russia, il lanciafiamme Tos-1, e l'artiglieria d'assedio 2S7 Pion, che spara proiettili da 203 millimetri.

I soldati in trincea possono essere visti anche individualmente nelle fotografie.
YouTube/ÖsterreichsBundesheer

Difesa aerea e artiglieria

Ma anche se la Russia è considerata l'artiglieria più forte, Kiev può guardare con tranquillità al futuro militare: l'Occidente sta equipaggiando l'Ucraina soprattutto con artiglieria e sistemi di difesa aerea, molti dei quali sono già presenti nel Paese. Questi ultimi sono essenziali, ad esempio, per impedire il supporto aereo russo al fronte e nelle profondità con il Gepard tedesco e per abbattere i droni da ricognizione.

In termini di artiglieria, l'Occidente si sta dando da fare. 40 soldati ucraini sono appena arrivati in Germania per imparare a usare l'obice semovente 2000, sette dei quali saranno forniti dalla Germania e cinque dai Paesi Bassi. Il vantaggio di questo sistema, molto apprezzato, è che può sparare diversi proiettili in successione, che però colpiscono contemporaneamente per non dare al nemico un preavviso.

Francesi con Caesar all'aeroporto di Bagram in Afghanistan 2009: l'artiglieria spara il più lontano di tutti i sistemi consegnati dall'Occidente.
Teddy Wade, U.S. Army

Spara munizioni da 155 millimetri come gli obici semoventi M109A3GN Paladin degli Stati Uniti. La Norvegia ne invia 20. La Francia consegnerà dieci o dodici Caesar che sparano gli stessi proiettili a maggio. Più di 40 altri sistemi semoventi sono arrivati dalla Repubblica Ceca e dalla Polonia: si basano su tubi da 152 millimetri le cui munizioni provengono dall'Europa dell'Est.

Anche per quanto riguarda i fucili a canna rigata, l'assistenza alle armi è impressionante. All'uso dei 90 M777 americani gli ucraini sono già stati addestrati. L'Australia sta contribuendo con altri sei e il Canada con altri quattro M777 che, come i cinque M114A1, sono basati sul formato da 155 millimetri. Nove D-30 dall'Estonia, che sparano munizioni da 122 millimetri, completano il tutto.

U.S. Chinook helicopters carry M777 howitzers on their way to a base in the outskirts of Spin Boldak, about 100 kilometers (63 miles) southeast of Kabul, Afghanistan, Friday, July 31, 2009. Thousands of U.S. troops are deploying in southern Afghanistan as part of an effort to prevent the Taliban from disrupting the country's Aug. 20 presidential ballot. (AP Photo/Emilio Morenatti)
Gli elicotteri americani Chinook stanno trasportando cannoni M777 vicino a Kabul, che hanno il vantaggio di essere leggeri pur sparando munizioni da 155 mm.
KEYSTONE