La foto della stretta di mano

L'esperto: «Cassis è caduto nella trappola di Lavrov»

Di Stefan Michel

23.9.2022

Mark Balsiger pensa che tra qualche anno ci ricorderemo solo di questa immagine.
Keystone

La foto di un sorridente Ignazio Cassis con il ministro degli Esteri russo Lavrov è motivo di preoccupazione per la Svizzera. L'analista politico Mark Balsiger spiega perché le immagini sono così potenti e cosa avrebbe dovuto fare di diverso il Presidente della Confederazione.

Di Stefan Michel

23.9.2022

Ignazio Cassis è ancora una volta oggetto di critiche. Il motivo è la foto che lo ritrae sorridente mentre stringe la mano al ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, nel giorno in cui la Russia ha dichiarato la mobilitazione parziale.

E mentre i media e l'opinione pubblica coprono di accuse il Presidente della Confederazione, anche la Russia mostra nuovamente il suo lato aggressivo e chiede alla Svizzera di tornare alla neutralità.

L'analista politico Mark Balsiger ritiene il quadro sfavorevole e guarda in prospettiva agli effetti che la fotografia potrebbe avere.

Il presidente Cassis sta ricevendo forti critiche dopo la foto della sua stretta di mano con il ministro degli Esteri russo. Sono giuste?

Non sarebbe dovuto succedere. Consapevole dei rischi di questo incontro e sapendo che i fotografi sono ammessi, anche se per poco tempo, la delegazione svizzera avrebbe dovuto chiarire in anticipo quali fossero i limiti.

La delegazione svizzera avrebbe potuto escludere in anticipo di stringere la mano senza violare il galateo diplomatico?

Sarebbe stato un affronto. Ma situazioni come questa dimostrano quanto devono essere stati dettagliati i preparativi. Non riesco a immaginare che il grande staff di Cassis non abbia discusso di questo e non abbia definito un piano.

Significa che non è stata la delegazione ad essere impreparata, ma Cassis a non attuarla?

È stato colto di sorpresa. Lavrov ha teso bruscamente la mano. È naturale che in una situazione del genere si debba a propria volta tendere la mano. Il Presidente Cassis avrebbe dovuto inventarsi qualcosa per evitarlo. Avrebbe potuto simulare un attacco di tosse. Ora è caduto nella trappola di Lavrov. È chiaro che la Russia sta sfruttando questa immagine.

Che ruolo hanno le immagini nella politica estera?

Il potere suggestivo delle immagini è enorme. Si imprimono in noi molto più fortemente delle parole. Il potere delle immagini viene sistematicamente utilizzato per rafforzare la propria causa.

Ma può accadere anche il contrario. Cosa sta succedendo al Presidente Cassis?

Ha tenuto un discorso straordinario all'Assemblea generale delle Nazioni Unite. Ma ora sta scomparendo del tutto grazie a questa immagine. Ricorderemo solo questa foto di lui con Lavrov.