Covid

Ecco quanto sarà costosa la vita quotidiana senza vaccinazione

uri

10.9.2021

Un addetto alla sicurezza controlla un certificato Covid all'ingresso di un club a Losanna. Coloro che vogliono assicurarsi il certificato attraverso i test potrebbero dover scavare a fondo nelle loro tasche.
Un addetto alla sicurezza controlla un certificato Covid all'ingresso di un club a Losanna. Coloro che vogliono assicurarsi il certificato attraverso i test potrebbero dover scavare a fondo nelle loro tasche.
KEYSTONE

Né vaccinati né guariti dal Covid? Allora il tempo libero può diventare costoso. Con l'obbligo esteso dell'uso del certificato Covid, i test sono necessari e presto non saranno più gratuiti. Ma quanto si potrebbe dover sborsare? Un piccolo calcolo con un esempio fittizio.

uri

10.9.2021

Da lunedì 13 settembre, l'obbligo del certificato Covid sarà esteso ad altri ambiti della vita quotidiana e sarà necessario per potersi recare all'interno, per esempio, di ristoranti, teatri, piscine e zoo.

Una cosa è chiara: la vaccinazione rimane gratuita e garantisce il certificato per 365 giorni dopo l'ultima dose. E anche chi è guarito dal Covid può immergersi nella vita per 180 giorni senza doversi preoccupare costantemente della sua negatività al Sars-CoV-2.

Le attività però possono essere complesse e pure costose se si opta per ottenere il certificato Covid tramite i test, perché dal 1. ottobre non saranno più gratis, ma a carico di chi se li vuole fare. In caso di sintomi, il Consiglio federale continuerà a sostenere i costi in futuro, ma questi test non danno diritto al certificato.

Chiunque calcoli i costi dei test durante le attività quotidiane potrebbe rapidamente decidere di rimanere semplicemente a casa. Oppure può seguire il consiglio del Governo e farsi vaccinare rapidamente. Ecco alcuni esempi dei costi che possono comportare i test.

Due uscite al bar per 160 franchi

Cominciamo con una persona non vaccinata a Zurigo. Vuole andare al bar con i suoi colleghi due volte alla settimana dopo il lavoro, il lunedì e il venerdì. In questo caso, può optare per il più economico test rapido antigenico. Il risultato è solitamente disponibile 30 minuti dopo il prelievo del campione e costa oggi 80 franchi al centro Covid di Triemli.

Questo tipo di test è valido per 48 ore. Il che significa che si può ancora fare una serie di altre attività, come visitare musei o piscine, nei due giorni successivi al test. Tuttavia, la pressione per ottenere il massimo dall'investimento di 80 franchi probabilmente toglie parte del divertimento agli eventi.

Anche se un test PCR è valido per 72 ore, il risultato è di solito disponibile solo dopo 24-48 ore e costa 137 franchi, motivo per cui è davvero adatto solo per i viaggi.

La variante in abbonamento costa 320 franchi

Anche un «certificato GA» tramite un test rapido degli antigeni solo per se stessi è costoso. Se si vuole essere in grado di andare spontaneamente al cinema o in un bar ogni giorno della settimana senza pensarci due volte, si dovrebbe effettivamente fare il test ogni due giorni, cioè almeno tre volte alla settimana, o anche quattro volte per una copertura completa. Il che costerebbe 240 o anche 320 franchi alla settimana.

Coi bambini diventa subito più caro

Diventa ancora più costoso per il nostro ipotetico zurighese non vaccinato se vuole portare fuori a cena la domenica il proprio o la propria partner non immunizzata e pagargli un test rapido antigenico. Oltre ai due test per uscire al bar il lunedì e il venerdì, deve spendere altri 80 franchi per sé e altri 80 franchi per chi lo accompagna, raggiungendo così i 320 franchi in una settimana.

L'importo può crescere ancora se decide di portare con sé i figli di 16 e 18 anni, anche loro non vaccinati, per i quali sono dovuti ulteriori accertamenti per un valore complessivo di 160 franchi. In tal caso, si sale a 480 franchi, solo per i test.

I bambini di età inferiore ai 16 anni, invece, sono economici: sono esentati dall'obbligo del certificato.