Domande e risposte

Il Parlamento ingrana il turbo per l'energia e scalfisce la costituzione?

aru

3.10.2022

Il Parlamento sta aprendo la strada all'elettricità sostenibile in una serie di proposte (immagine illustrativa/foto d'archivio).
Il Parlamento sta aprendo la strada all'elettricità sostenibile in una serie di proposte (immagine illustrativa/foto d'archivio).
KEYSTONE

Il Parlamento sta aprendo la strada all'elettricità sostenibile in una serie di proposte. I critici però si lamentano che questo va troppo oltre – e sminuisce la costituzione.

aru

3.10.2022

Ad alta velocità il Parlamento, la scorsa sessione, terminata venerdì, ha approvato diverse misure per un approvvigionamento energetico sostenibile. Per alcuni è un salto di qualità, per altri il Parlamento è «fuori controllo». Ecco cosa c'è da sapere.

Cosa ha deciso il Parlamento?

Anche se tutti parlano di una carenza imminente nel prossimo inverno, le misure adottate dal Parlamento riguardano principalmente l'approvvigionamento energetico a lungo termine.

In primo luogo, il Parlamento ha presentato una controproposta indiretta all'iniziativa sui ghiacciai, mentre è probabile che l'UDC terrà un referendum. Si tratta di come la Svizzera dovrebbe abbandonare i combustibili fossili entro il 2050.

Inoltre, a breve entreranno in vigore i modelli, in base ai quali si applicherà l'obbligo dei pannelli solari ai nuovi edifici con una superficie di 300 metri quadrati o più.

I grandi sistemi solari in montagna dovrebbero ricevere un sostegno finanziario. Nella «Lex Grengiols», anch'essa accettata, è persino possibile la realizzazione di grandi impianti fotovoltaici, come quello previsto nel Canton Vallese.

Anche l'energia idroelettrica ha fatto un grande passo avanti in questa sessione. Il Parlamento ha deciso che l'ampliamento della diga del Grimsel nel cantone di Berna sarà esonerato dall'obbligo di pianificazione. Il progetto, che era stato bloccato per più di 20 anni, è stato quindi accelerato. In particolare, le misure relative al fotovoltaico e all'idroelettrico hanno ricevuto diverse critiche.

Perché questi progetti sono così controversi?

Il parlamento sta chiaramente superando i suoi poteri, afferma al «Tages-Anzeiger» Alain Griffel, professore di diritto di Zurigo con un focus sulla pianificazione del territorio. In linea di principio, nella costruzione di grandi impianti solari manca una considerazione completa dei diversi interessi. L'aspetto della conservazione della natura è semplicemente trascurato. La legge genererà innumerevoli nuove procedure e controversie.

Bisogna anche fare i conti con le proteste di chi non è d'accordo. Con il suo comportamento attuale, il Parlamento vive «fantasie di onnipotenza» limitando il processo democratico. «Costituzione e legge servono a limitare il potere della politica», dice Griffel. All'altro capo di questa linea di pensiero ci sono autocrati come Putin e Lukashenko.

Cosa dicono i partiti?

Al Palazzo federale pare che si sia in qualche modo consapevoli che lo stato di diritto è stato scalfito. È quanto afferma il consigliere nazionale Albert Rösti (UDC/BE). «Ma alla fine, come rappresentante del popolo, mi sento responsabile di garantire che ci sarà abbastanza elettricità un giorno. Sulla base della costituzione, sto facendo una valutazione degli interessi che persegue questo obiettivo», ha detto alla SRF.

«Abbiamo parlato di urgenze dove non c'era urgenza e scritto progetti concreti in leggi federali nelle quali non dovrebbero essercene», dice anche alla SRF la presidente del gruppo parlamentare Aline Trede (Verdi/BE). Questo non è promettente. Tuttavia, nell'offensiva solare è stato ottenuto molto di più di quanto si potesse immaginare un anno fa. Quindi nessuno capirebbe un no a questa legge.

Perché il Parlamento è così rapido?

Sullo sfondo della guerra in Ucraina e della conseguente carenza, molti parlamentari vogliono prepararsi per il futuro. Critici come il consigliere nazionale del PLR Matthias Jauslin affermano che il Legislativo è in uno stato di iperattivismo.

«Questo non va bene», dice Jauslin alla SRF. Il fatto che i modelli siano stati accettati nella votazione finale di venerdì, si spiega con la necessità della situazione. Questo giustificherebbe scalfire la costituzione.

Cosa dicono gli esperti del «turbo-Parlamento»?

Se le cose devono essere fatte rapidamente nella politica svizzera, il Parlamento ha i mezzi per farlo, afferma alla SRF Marc Bühlmann, professore di scienze politiche all'Università di Berna.

La Svizzera non ha una corte costituzionale che possa convocare il Parlamento. «Ma queste decisioni urgenti sono anche soggette al referendum facoltativo e il popolo potrebbe quindi avere l'ultima parola».