Obbligo del certificato Covid, alcuni gestori vogliono chiudere i bar

Di Lia Pescatore

10.9.2021

Controllo degli ospiti all'ingresso: Questo è ciò che i proprietari e le padrone di casa dovranno affrontare da lunedì.
Controllo degli ospiti all'ingresso: è ciò che i gestori di bar e ristoranti dovranno affrontare da lunedì.
KEYSTONE

Respingere i clienti ormai abituali: è questo ciò che i ristoratori dovranno affrontare da lunedì, soprattutto in campagna. Ma non tutti vogliono accettare la situazione. Alcuni minacciano di chiudere.

Di Lia Pescatore

10.9.2021

Bruno della Torre, presidente dell'associazione di categoria Gastro Obwalden e oste in una locanda di Krens, si prepara a situazioni spiacevoli. A partire dalla prossima settimana, il certificato Covid sarà obbligatorio nel settore della ristorazione. Della Torre dovrà controllare anche gli ospiti che vengono da anni, e forse anche mandarli via.

Si aspetta che i suoi clienti siano comprensivi. Ma questo probabilmente non è il caso di tutti i ristoranti della regione. Obvaldo è il cantone con il secondo più basso tasso di vaccinazione in Svizzera, con poco meno del 44% della popolazione completamente immunizzata. La media nazionale è superiore al 52%.

«L'entusiasmo per l'espansione del certificato è limitato qui a Obvaldo», dice seccamente della Torre. Più della metà della popolazione non è ancora stata vaccinata, motivo per cui la maggioranza si sente esclusa dalla nuova misura.

Conflitti con i clienti abituali

Casimir Platzer, capo dell'associazione mantello GastroSuisse, ha avvertito - in un'emissione della televisione svizzero tedesca SRF - in merito ai conflitti che l'obbligo del certificato porterebbe ai pub di paese. Il tasso di vaccinazione è basso, la clientela abituale è tanta.

Questo vale anche per la locanda di della Torre. Il giorno dopo l'annuncio del Consiglio federale, si è subito sentito dire dai lavoratori che da lunedì non sarebbero più venuti. «Tre tavoli sono già stati cancellati», dice il locandiere. Ora spera che alcuni passino all'offerta da asporto.

Ma della Torre è sicuro che ci sarà una mancanza di introiti. Anche se la gente si immunizzasse subito, «quando saranno completamente vaccinati, sarà novembre», dice della Torre. Inoltre, difficilmente si aspetta che i non vaccinati a partire da ottobre paghino un test per una cena. Poiché il tasso di vaccinazione è così basso nelle campagne, la restrizione probabilmente sarà più sentita che in altre zone.

Della Torre dovrà fare a meno degli ospiti. Nonostante le perdite, per lui è chiaro: «Meglio ingoiare la pillola amara che dover chiudere tutto».

«Siamo formati per accogliere le persone»

Ma ingoiare la pillola non è un'opzione per tutti gli albergatori, come ci dice Markus Strässle, presidente dell'associazione gastronomica di Appenzello Esterno. Ha ricevuto diverse chiamate da locandieri che vogliono chiudere volontariamente. Dover allontanare gli ospiti, per loro, non è un'opzione.

«Siamo formati per accogliere le persone, non per respingerle. Ora ci stanno trasformando in poliziotti», dice Strässle. La differenza, però, è che gli agenti di polizia sono pagati per i loro controlli e non vengono multati se commettono errori. Strässle si riferisce alla multa che i ristoratori devono pagare se non rispettano il nuovo regolamento: Dovranno sborsare fino a 10.000 franchi per una violazione.

Non è solo in Appenzello Esterno che gli albergatori sono minacciati di chiusura. Hansjürg Rhyner, presidente di Gastro Glarnerland (Glarona), è pure a conoscenza di casi nel suo cantone di persone che vogliono chiudere le loro attività a causa delle nuove misure.

«La gastronomia qui è meno anonima che in città», dice Rhyner,  aggiungendo che è più difficile allontanare la gente. Tuttavia, ci sono anche ristoratori dell'associazione che si sentono più sicuri con il certificato obbligatorio. Questo è probabilmente anche collegato alle alte cifre di infezione nel cantone.

Rhyner si aspetta che ci siano meno ospiti. «Le nuove misure equivalgono a un divieto parziale di lavoro», ha detto, sottolineando che il Consiglio federale dovrebbe compensare quest'aspetto. Ecco perché sostiene anche la richiesta del presidente di GastroSuisse Platzer.

«L'inverno è decisivo per noi»

Anche la sezione grigionese di GastroSuisse teme perdite elevate dal momento che gli ospiti rimarranno lontani. «Fondamentalmente, avremmo voluto che l'estensione dell'obbligo del certificato fosse arrivata più tardi», dice l'amministratore delegato Marc Tischhauser. Al momento, il tasso di vaccinazione non è così alto. Il che avrà come effetto che, probabilmente, un maggior numero di persone a starà lontano dai pub. Per questo motivo sarebbe di nuovo necessaria una compensazione per le mancate entrate.

Tuttavia, preferisce si sia agito ora. Probabilmente farebbe ancora più male in un secondo momento. «L'inverno è cruciale per noi», dice Tischhauser. Per allora, dice, possiamo abituarci a lavorare col certificato. Inoltre, Tischhauser spera che le restrizioni incoraggino più persone a farsi vaccinare. «Il 15% in più sarebbe sufficiente per assicurarci la stagione invernale».

Ma non tutti gli albergatori evitano di confrontarsi con la loro clientela scettica nei confronti della vaccinazione: Ruedi Bartel, presidente di Gastro Thurgau (Turgovia), espressosi sulla Blick TV, chiede da subito la vaccinazione obbligatoria: «Allora la questione sarebbe stata fuori discussione e avremmo potuto continuare a lavorare normalmente».