Vaccinato, boosterato, guarito

Quanto si è protetti senza nessuna misura anti-Covid?

uri

31.3.2022

La gente passeggia sul lungolago di Lucerna nell'aprile 2021 durante la pandemia di Covid (foto d'archivio).
Keystone

Mercoledì 30 marzo il Consiglio federale ha deciso di porre fine alle ultime misure anti-Covid in vigore. E questo nonostante il numero dei contagi sia ancora elevato. Ma quanto bene si è protetti dalla vaccinazione o dalla guarigione dal virus?

uri

31.3.2022

Vista la diminuzione del numero dei casi e la stabilità della situazione negli ospedali, mercoledì 30 marzo il Governo svizzero ha deciso di ristabilire una «situazione normale»: le mascherine, l'isolamento e l'app SwissCovid rimarranno solo un ricordo, così come la Task force scientifica svizzera, che ha già annunciato la fine del suo mandato.

Tuttavia, nella sua ultima conferenza stampa ufficiale sul tema Covid, la presidentessa della Task force Tanja Stadler ha avvertito che la variante Omicron del virus rimane pericolosa. Qual è la situazione in Svizzera e quali sono i rischi per l'individuo?

Quanto è pericolosa Omicron?

Generalmente le varianti Omicron del Covid sono considerate significativamente più contagiose delle precedenti mutazioni, ma secondo gli studi garantiscono una progressione della malattia meno pericolosa. Il rischio di morte dopo un'infezione da Omicron è addirittura del 67% inferiore rispetto alla variante Delta, precedentemente dominante, come determinato dall'autorità statistica nazionale del Regno Unito.

Il tasso di mortalità è diminuito in modo particolarmente significativo nella fascia di età compresa tra i 18 e i 59 anni. Qui sono stati registrati l'87% in meno di decessi. Nella fascia di età compresa tra 60 e 69 anni il rischio è stato ridotto dell'86%, nelle persone con più di 70 anni è ancora inferiore del 55%.

Nel frattempo, la variante Omicron originariamente dominante BA.1 – su cui si è basata la maggior parte degli studi fino ad ora – è stata sostituita dalla sua variante sorella BA.2 anche in Svizzera. Secondo la Task force, questo ha aumentato il valore di riproduzione di un altro 35-50% a causa della sua maggiore infettività.

Secondo gli studi riportati sulla rivista «Nature», ci sono delle indicazioni che BA.2 possa gestire la protezione immunitaria ottenuta attraverso le vaccinazioni o le malattie anche meglio di BA.1. Negli esperimenti effettuati con i criceti, BA.2 ha anche dimostrato di essere più aggressiva per quanto riguarda il decorso della malattia, una scoperta che però non può essere adattata agli esseri umani.

Qual è l'attuale situazione in Svizzera?

Il numero di casi in Svizzera è recentemente diminuito notevolmente. Il numero dei decessi causati dal Covid è rimasto nel complesso abbastanza costante e il numero dei ricoveri ospedalieri non è diminuito tanto quanto il numero dei contagi.

Come annunciato da Stadler il 22 marzo sul sito web della Task force, ogni settimana il 9% delle persone in Svizzera è stato infettato dal virus. Ci si aspetta un numero quattro volte maggiore di casi non denunciati, ha spiegato.

Ciononostante, con la variante Omicron il SARS-CoV-2 ha perso gran parte della sua potenza: mentre durante la seconda ondata in Svizzera sono morte 20 persone su 1'000 a causa dell'infezione, durante l'ondata di Omicron il tasso di mortalità è sceso di 40 volte, secondo Stadler. Ciò significa: «Ora muore meno di una persona su 1'000».

Secondo la capa della Task force, questi progressi sono dovuti principalmente alle vaccinazioni. In un'intervista ai giornali Tamedia, la biostatistica dell'ETH di Zurigo ha affermato che con le ultime aperture le persone anziane si sono contagiate di nuovo.

Anche se il numero di ricoveri ospedalieri è rimasto costante, l'immunità contro i decorsi gravi in questo gruppo non è però diminuita in modo significativo. Stadler ha avvertito: «Ma dobbiamo rimanere molto vigili. Se questo cambia, è nell'interesse di tutti che queste persone ricevano un booster il prima possibile».

Quanto sono protetti i guariti?

Considerando le varianti Omicron, l'effetto protettivo di un'infezione da Covid già passata è significativamente inferiore contro una nuova infezione rispetto alle precedenti varianti di SARS-CoV-2.

Questo è il risultato di uno studio condotto da scienziati guidati da Laith Abu-Raddad della Weill Cornell Medicine – Qatar a Doha in Qatar, che è stato pubblicato nel febbraio 2022 sul «New England Journal of Medicine».

Secondo lo studio, riportato dall'aertzeblatt.de, la protezione contro una reinfezione da Omicron a causa di una precedente malattia è piuttosto scarsa, con una media del 55,9%. Tra la precedente malattia e l'infezione da Omicron sono trascorsi in media 314 giorni.

Nel caso della variante Delta, i valori sono significativamente migliori con un valore del 91,9% di reinfezione dopo una media di 254 giorni. E anche quando infettato di nuovo con la variante Alfa, dove l'effetto protettivo medio era del 90,3% dopo 279 giorni.

Inoltre le persone che avevano contratto solo un'infezione da Omicron formavano solo anticorpi neutralizzanti contro l'Omicron, come ha dimostrato uno studio austriaco in prestampa. Tuttavia le persone che sono state sia vaccinate che guarite avevano anticorpi neutralizzanti contro tutte le varianti del Covid.

E la protezione delle persone con due dosi?

Esperti come il virologo tedesco Christian Drosten sottolineano che le varianti di Omicron mettono le persone che non sono state vaccinate a rischio di ammalarsi gravemente. Dopo l'ondata di Omicron, anche l'immunizzazione di base con due dosi di vaccino – che è stata ancora efficace contro Alfa e Delta – ora non offre più una protezione affidabile.

Come hanno riportato i ricercatori guidati da Nick Andrews dell'Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA) sul «The New England Journal of Medicine» all'inizio di marzo, il loro studio ha mostrato che due dosi del vaccino di Biontech (gli esperti ipotizzano valori simili per il vaccino mRNA di Moderna) e AstraZeneca hanno rapidamente perso la protezione contro l'infezione da Omicron.

Secondo gli scienziati, con Biontech la protezione era solo dell'8,8% dopo sei mesi buoni, nel caso di AstraZeneca era completamente scomparsa dopo soli cinque mesi. Dopo due o quattro settimane, la protezione era ancora rispettivamente del 65,5% e del 62,4%.

Sulla base del loro studio, non è ancora possibile fornire cifre affidabili per quanto riguarda la protezione vaccinale contro un decorso grave della malattia causata dalla variante Omicron.

Secondo un rapporto dell'UKHSA della fine di dicembre, la protezione contro il ricovero in ospedale attraverso una doppia vaccinazione nel caso di Omicron era di circa il 72% fino a sei mesi dopo la seconda dose.

Cosa offre il booster?

Con una vaccinazione di richiamo o una terza dose, la protezione vaccinale può essere nuovamente aumentata in modo significativo e il rischio di decorsi gravi dell'infezione da Covid può essere notevolmente ridotto, come segnala l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) sul suo sito web.

Alcuni esperti hanno anche affermato che l'immunizzazione di base contro il SARS-Cov-2 si ottiene solo con una terza dose.

Secondo il già citato studio del Regno Unito sull'efficacia dei vaccini contro Omicron, una terza dose di vaccino Biontech ha fornito nuovamente dopo due o quattro settimane una protezione media dalle infezioni del 67,2%. Questa è sceso al 45,7% dopo dieci settimane.

Inoltre, a quanto pare solo una terza dose fornisce un'adeguata protezione attraverso gli anticorpi, con i quali il legame dei ricettori contro l'Omicron può essere parzialmente bloccato, come hanno scoperto gli scienziati della MedUni di Vienna.

In questo caso, la terza dose fornisce una quantità sufficiente di anticorpi per proteggere da un'infezione da Omicron, come ha affermato il leader dello studio Rudolf Valenta. Tuttavia «anche qui c'è una quota significativa del 20% in cui non è stata stabilita alcuna protezione».

Qual è la migliore protezione?

Il modo migliore per proteggersi dall'infezione da Covid è attraverso la cosiddetta immunità ibrida. Vale a dire quando si è sia vaccinati che guariti, o come ha detto il virologo Drosten nel suo podcast all'inizio di quest'anno: «L'immunizzazione ideale è che tu abbia un'immunizzazione vaccinale completa – con tre dosi – e sulla base di questa immunizzazione ti sei poi infettato con il vero virus per la prima volta e anche per la seconda e la terza volta».

In questo caso, il livello di anticorpi diventa particolarmente elevato a seguito della vaccinazione e dura anche più a lungo, il che offre una risposta immunitaria particolarmente forte in caso di infezione da SARS-Cov-2.

Guarire da un'infezione poi fornisce un'ulteriore componente protettiva, ovvero attraverso le cosiddette cellule della memoria. Queste diventano attive immediatamente quando entrano di nuovo in contatto con il virus e formano nuovi anticorpi.

Le cellule della memoria non possono proteggere da una nuova infezione, ma nella maggior parte dei casi prevengono un decorso grave della malattia. Gli esperti sospettano che le cellule a volte possano essere attive nel corpo umano per tutta la vita, ma nel caso del Covid è possibile dimostrare che sono a un livello elevato per almeno sei mesi.