Zurigo

Zurigo: «La rinaturazione è molto efficace, ma non c'è la certezza assoluta»

Di Alex Rudolf

15.7.2021

Lo stabilimento balneare Unterer Letten quasi completamente sommerso. Senza i progetti di rinaturazione del fiume Limmat sarebbe sicuramente andata peggio
Lo stabilimento balneare Unterer Letten (sulla destra) quasi completamente sommerso. Senza i progetti di rinaturazione del fiume Limmat sarebbe sicuramente andata peggio. A sinistra della foto si vede la torre del granaio più alto della Svizzera, lo Swissmill. 
KEYSTONE

I laghi di Zurigo sono pieni fino all'orlo, ma il cantone potrebbe ancora una volta essere risparmiato dal peggio. E questo grazie a diversi progetti portati avanti negli ultimi anni.

Di Alex Rudolf

15.7.2021

La situazione delle inondazioni non è solo drammatica nella Svizzera centrale e nell'Oberland bernese. Anche i livelli dei laghi più grandi di Zurigo stanno crescendo. Questa mattina, il lago di Zurigo ha raggiunto un livello di 406,6 metri, che, secondo il cantone, corrisponde alla linea di alta marea.

«Insieme al lago Greifen, Zurigo ha un livello di pericolo di quattro su cinque, il che significa che l'acqua può riversarsi sulle rive esposte», dice Markus Pfanner, portavoce del Dipartimento cantonale delle costruzioni. Ora c'è anche il pericolo che l'acqua possa penetrare nelle case che si trovano direttamente sul lago.

Il lago artificiale Sihl gioca un ruolo chiave per la città di Zurigo. Il suo livello d'acqua è regolato dalle autorità cantonali tramite dei meccanismi sotterranei. Già all'inizio della settimana sono iniziati i lavori di drenaggio dell'acqua del lago di Zurigo per creare capacità per l'acqua piovana, che può essere gradualmente svuotata nella Sihl.

Il letto del fiume sotto la stazione è stato reso più profondo

«Attualmente, il lago Sihl contiene molta acqua, ma ci sono ancora dei margini di manovra dovute alle misure prese all'inizio della settimana. Può ancora assorbire acqua dall'entroterra», dice Pfanner. Si spera però che non ci siano troppe precipitazioni nel bacino dei laghi di Zurigo, aggiunge.

Zurigo se l'è già cavata con poco durante le inondazioni del 2005. Grandi temporali si sono riversati sull'Oberland bernese, ma non ci sono state grandi inondazioni a Zurigo. Da allora, il cantone ha investito milioni in numerose misure di protezione contro le inondazioni.

«Per esempio, abbiamo costruito "un rastrello" nella Sihl per evitare che il fiume sia bloccato da legname nei punti critici come i ponti o i canali sotto la stazione principale della Città sulla Limmat», spiega Pfanner. Inoltre, il letto del fiume sotto la stazione principale è stato reso più profondo in modo che ci sia più spazio per l'acqua.

«Non c'è la sicurezza assoluta»

Anche le pianure alluvionali della Limmat tra Altstetten, Oberengstringen e Schlieren sono state ampiamente rinaturalizzate alcuni anni fa per fornire una maggiore protezione contro le inondazioni. Tuttavia, più in basso sulla Limmat, a Dietikon, c'è stata una grande inondazione giovedì mattina.

La misura non ha quindi funzionato? «La rinaturazione è stata molto efficace, ma non c'è la certezza assoluta. Siamo in una situazione eccezionale in cui l'acqua, nonostante la protezione contro le inondazioni, può superare gli argini».

Così, altri progetti saranno portati avanti nei prossimi anni. A Thalwil, per esempio, si sta costruendo uno sfioratore per la Sihl, e a Schlieren il cantone sta progettando una rinaturalizzazione con un allargamento del letto del fiume.