Lifestyle

A rischio di malattie cardiache? Consigliato vaccinarsi contro l'influenza

Covermedia

14.12.2021 - 16:10

Se hai una malattia cardiaca i vaccini antinfluenzali potrebbero aiutarti a evitare più di un semplice raffreddore.

Covermedia

14.12.2021 - 16:10

Alle persone con diagnosi di malattie cardiache è stato consigliato di sottoporsi al vaccino antinfluenzale, poiché contrarre il virus può aumentare il rischio di un evento cardiaco fatale.

Secondo una recensione di Houston Methodist pubblicata sul Journal of American Heart Association, vaccinarsi contro l'influenza potrebbe ridurre il rischio di soffrire di problemi cardiaci, anche se non si prende la malattia.

Nonostante ciò, il tasso di vaccinazione antinfluenzale per gli adulti americani che hanno meno di 65 anni e hanno malattie cardiache è inferiore al 50%. Questo rispetto all'80% negli anziani con la stessa condizione.

«Sembra che i giovani americani con condizioni ad alto rischio non abbiano ricevuto lo stesso promemoria sull'importanza di sottoporsi al vaccino antinfluenzale, che hanno invece ricevuto le loro controparti più anziane», ha affermato la dott.ssa Priyanka Bhugra.

«Questo è pericoloso. Soprattutto considerando che le persone con problemi cardiaci sono particolarmente vulnerabili alle complicazioni cardiache legate all'influenza, indipendentemente dal fatto che abbiano raggiunto l'età pensionabile o meno».

È risaputo che contrarre l'influenza può portare a problemi respiratori significativi come polmonite, bronchite e infezione batterica dei polmoni. Ma gli effetti del virus sul cuore sono stati storicamente più difficili da determinare.

Tuttavia, recenti ricerche hanno dimostrato che le morti cardiovascolari e le epidemie di influenza aumentano nello stesso periodo. Inoltre, i pazienti hanno sei volte più probabilità di subire un attacco di cuore la stessa settimana dopo l'infezione influenzale, rispetto a qualsiasi momento durante l'anno precedente o l'anno dopo l'infezione.

Il motivo per cui l'influenza stressa così tanto il cuore e il sistema vascolare ha a che fare con la risposta infiammatoria del corpo all'infezione: poiché il tuo corpo crea globuli bianchi per proteggerti. Mentre si combatte la malattia, questo può causare gonfiore, indolenzimento, dolore, debolezza e talvolta arrossamento e aumento della temperatura delle articolazioni, dei muscoli e dei linfonodi.

L'aumento dell'attività immunitaria può anche portare a coaguli di sangue, pressione sanguigna elevata e persino gonfiore o cicatrici all'interno del cuore, causando potenzialmente un blocco che interrompe l'ossigeno al cuore o al cervello e provoca rispettivamente infarti o ictus.

Covermedia