Antidolorifici: il rimedio per un cuore spezzato?

CoverMedia

15.2.2018 - 16:10

Source: Covermedia

Secondo una nuova ricerca questi medicinali possono aiutare ad alleviare il mal d’amore.

Gli antidolorifici servono per ridurre ed eliminare i dolori muscolari, il mal di testa, i sintomi di febbre ed influenza e, a quanto pare, anche i problemi di cuore. Ma non quelli «veri».

Secondo uno studio effettuato presso la University of California, infatti, anche le persone che soffrono per amore possono trarre benefici dall’assunzione di queste pillole… a patto che siano donne.

Durante l’esperimento i ricercatori hanno chiesto a tutti i partecipanti di prendere parte in attività come, per esempio, ricordare per iscritto un’occasione nella loro vita in cui erano stati traditi. Ad un gruppo sono stati somministrati gli antidolorifici con principio attivo ibuprofene, agli altri un placebo. Rispetto a questi ultimi, le donne del primo gruppo che avevano ricevuto una dose del medicinale riportavano sentimenti meno intensi ed uno stato emotivo meno doloroso. I ricercatori non hanno ancora una spiegazione esattta per il fatto che gli uomini non condividano gli stessi risultati.

Il team ha analizzato anche gli effetti del paracetamolo, che ha causato agli individui di attenuare i sentimenti verso le altre persone e di mostrare meno emozioni di fronte alla sofferenza di qualcun altro.

Secondo i ricercatori, questi farmaci possono contribuire ad alleggerire il fardello emotivo delle persone che soffrono per la fine di una relazione o per la perdita di una persona amata, anche se sono necessari ulteriori studi per analizzare al meglio questi effetti.

«Per certi versi questi sono risultati allarmanti», ha dichiarato il co-aurore della ricerca Kyle Ratner. «Quando i consumatori comprano un medicinale senza ricetta pensano ad un sollievo per un dolore fisico, ma non hanno idea dell’ampio spettro di effetti che essi possono causare a livello psicologico».

La ricerca è stata pubblicata nella rivista scientifica Policy Insights from the Behavioural and Brain Sciences.

Tornare alla home page

CoverMedia