Biscotti da asporto

Uno solo può contenere fino a 10 cucchiaini di zucchero

Covermedia

29.4.2022 - 16:10

Nei prodotti da asporto esiste un'enorme disparità tra le dimensioni delle porzioni e il contenuto di zucchero: soprattutto in biscotti, brownies e ciambelle.

Covermedia

29.4.2022 - 16:10

Gli attivisti della salute hanno avvertito che un solo biscotto «da asporto» può contenere ben 10 cucchiaini di zucchero.

Secondo un'indagine condotta dai funzionari dell'Action on Sugar and Obesity Health Alliance del Regno Unito, esiste un'enorme disparità tra le dimensioni delle porzioni e il contenuto di zucchero soprattutto in biscotti, brownies e ciambelle «on the go».

I ricercatori hanno scoperto che molti prodotti sono troppo ricchi di zuccheri, come il biscotto Aldi Specially Selected Triple Chocolate, contenente fino a 10 cucchiaini di zucchero: circa il 50% di zucchero. Seguito da vicino dal Belgian Chocolate Chip Brownie di Caffe Nero, con 8 cucchiaini di zucchero.

«Nonostante livelli di zucchero così incredibilmente alti nel complesso, il contenuto di zucchero varia, a dimostrazione che i prodotti possono essere realizzati con molto meno zucchero e venduti in porzioni più piccole», ha commentato un rappresentante dell'Action on Sugar and Obesity Health Alliance del Regno Unito.

«Ad esempio: il Belgian Chocolate Chip Brownie di Caffè Nero ha otto cucchiaini di zucchero per porzione, rispetto al Fairtrade Triple Chocolate Brownie di Greggs che ha due cucchiaini di zucchero per porzione».

Quando si tratta di ciambelle, sia l'Original Glazed Ring Donut di Krispy Kreme che il Glazed Ringed Donut di Greggs sono stati i peggiori trasgressori. Ciascuno conteneva tre cucchiaini di zucchero per porzione, mentre una ciambella ad anello di Asda conteneva circa un cucchiaino.

«Dalla nostra indagine sui prodotti è chiaro che un approccio volontario alla riformulazione con la maggior parte dei rivenditori non funziona e le caffetterie non effettuano riduzioni significative», ha affermato Katharine Jenner, direttrice e nutrizionista registrata di Action on Sugar.

«Questi prodotti zuccherini sono posizionati in modo allettante vicino alle casse e alla fine dei corridoi per consentire ad adulti e bambini di gustarli «in movimento» con il loro caffè o panino quotidiano, incoraggiando un consumo eccessivo».

Covermedia