Telelavoro

Ecco come risparmiare energia e denaro in home office

Saskia Günther

29.1.2022

A causa dell’home office si rischia una bolletta più alta.
mrmohock - stock.adobe.com

Il telelavoro può comportare un consumo di energia superiore a casa. Questi consigli ti aiutano a consumare meno e ti proteggono da brutte sorprese sulla bolletta.

Saskia Günther

29.1.2022

Il Consiglio federale ha prorogato le misure per combattere la pandemia di Covid e per il momento molti di noi lavoreranno da casa. L’obbligo di telelavoro scadrà presumibilmente non prima della fine di febbraio.

L’home office resterà in vigore almeno temporaneamente. Negli ultimi due anni le aziende ne hanno riconosciuto i vantaggi e creato le premesse tecnologiche. Ma il telelavoro dovrebbe rimanere una componente fissa della cultura lavorativa.

Qui trovate alcuni consigli su come lavorare in home office! Ma lavorare da casa significa anche consumare più energia elettrica domestica, perché riscaldamento, luce, modem e dispositivi digitali restano accesi tutto il giorno.

Secondo una ricerca condotta dalla SRF, durante i primi mesi di pandemia nel 2020 il consumo di energia elettrica dei nuclei domestici è aumentato del 10-12%. Questo può tradursi in un aumento della bolletta elettrica di diverse centinaia di franchi rispetto agli anni precedenti.

Chi lavora da casa fa quindi bene ad attuare queste semplici misure di risparmio energetico!

Woman dressed in green sweater regulating heating temperature with a modern wireless thermostat and smart phone at home. Synchronization of thermostat with mobile devices concept
Woman dressed in green sweater regulating heating temperature with a modern wireless thermostat and smart phone at home. Synchronization of thermostat with mobile devices concept
AdobeStock

1. L’ufficio non è una sauna

La temperatura ideale per il lavoro in ufficio è di circa 20 gradi. Ciò significa anche che chi indossa pantaloncini e t-shirt in home office ha una temperatura troppo elevata in casa.

Chi ha freddo ai piedi può rimediare con delle pantofole, una coperta o una borsa dell’acqua calda. Ne vale la pena, perché per ogni grado in meno di temperatura interna, il consumo di energia diminuisce del 7%.

In questo caso possono essere d’aiuto anche le soluzioni digitali. I termostati intelligenti, come quelli di Cleveron o Tiko, regolano la temperatura del locale. Vengono montati sui radiatori tradizionali e possono essere controllati tramite sensori e la relativa app per smartphone.

2. Modalità riposo durante le pause

Spegnere il computer significa fargli eseguire processi di memorizzazione complessi. Non vale la pena farlo durante la pausa pranzo. A questo scopo gli apparecchi offrono la modalità riposo, che riduce il consumo senza richiedere troppa energia. Importante: il salvaschermo non equivale alla modalità di sospensione, poiché il dispositivo continua a funzionare alla massima potenza e quindi consuma corrente.

3. Utilizzare il più possibile una presa multipla

Nel frattempo, tutti dovreste sapere che con una presa multipla è possibile risparmiare energia spegnendo completamente i dispositivi. Ma spesso non le usiamo a sufficienza.

Suggerimento: collegare il maggior numero possibile di dispositivi alla stessa presa multipla, in modo che basti azionare un solo interruttore per risparmiare il massimo di corrente.

È inoltre possibile applicare la presa multipla a una presa a parete collegata a un interruttore della luce. Basta spegnere la luce per disattivare tutti gli apparecchi elettrici.

4. Investire in soluzioni smart per risparmiare energia

Desiderate consumare meno, ma vi infastidisce dover attendere ogni volta che il televisore si accende? Anche in questo caso esiste una soluzione. Ad esempio, Swisscom e myStrom propongono prese intermedie intelligenti che possono essere comandate con lo smartphone.

La app Swisscom Home consente di attivare e spegnere i dispositivi collegati alla presa intermedia. L’app permette inoltre di definire regole affinché la corrente si attivi solo quando è necessaria.

5. Spegnere le sorgenti luminose inutili

In inverno le stanze sono spesso più buie che in estate. Per questo è ancora più importante utilizzare consapevolmente la luce elettrica. È bene spegnere le luci delle stanze quando non sono in uso.

Le lampadine LED aiutano a mantenere basso il consumo di energia e riducendolo ben dell’80% rispetto ai modelli tradizionali. Ne vale la pena per l’ambiente e per la bolletta elettrica.

6. Addio stampante!

Spedite ancora le fatture cartacee? Le richieste di pagamento elettroniche fanno risparmiare risorse naturali e sono più economiche della carta e dell’invio postale. Oggi la fatturazione digitale non è più complicata, esistono strumenti utili come ad esempio e-invoice di Swisscom.

E se non è possibile impedire la stampa di documenti, è bene eseguire gli ordini di stampa in una sola volta alla fine della giornata. Se l’apparecchio viene utilizzato solo una volta al giorno, non ha bisogno di restare in stand-by ed essere continuamente riacceso.

7. Risparmiare CO2 con soluzioni digitali

Non è sempre facile scoprire le fonti di consumo nascoste, ma la tecnologia digitale può aiutare. Le soluzioni smart home, come ad esempio quelle di Swisscom, consentono di accendere o spegnere tramite l’app per smartphone apparecchi come la box TV, il modem o addirittura la macchina del caffè. In questo modo, risparmiare è semplicissimo.

Grazie a soluzioni digitali intelligenti, Swisscom, insieme alle aziende partner e ai suoi clienti, intende risparmiare un milione di tonnellate di CO2 nei prossimi quattro anni .

Informazioni sul blog della sostenibilità

Qui i collaboratori e gli esperti di Swisscom vi forniscono informazioni aggiornate su uno stile di vita sostenibile e sull’uso competente dei nuovi media. Il portale «blue News» è un’unità aziendale di Swisscom (Svizzera) SA.

Saskia Günther, Head of Corporate Responsibility Swisscom
Swisscom