Bötschi domanda

Ivan Frédéric Knie: «Il Nonno diceva: "Puoi piangere fuori"»

Di Bruno Bötschi

21.8.2022

«Quando lavoro con un cavallo, dimentico tutto ciò che mi circonda. I cavalli sono una scuola per la vita»: Ivan Frédéric Knie.
«Quando lavoro con un cavallo, dimentico tutto ciò che mi circonda. I cavalli sono una scuola per la vita»: Ivan Frédéric Knie.
KEYSTONE

Sta coltivando l'eredità di sua madre e di suo nonno: Ivan Frédéric Knie fa il suo ingresso in grande stile con i suoi cavalli nell'arena in questa stagione. Una conversazione sulle regole, sui migliori amici e sulla spaziosità della sua carovana.

Di Bruno Bötschi

21.8.2022

Ivan Frédéric Knie accoglie il giornalista nel carrozza del circo della famiglia Knie. Si è già allenato con i suoi cavalli questa mattina ed è di ottimo umore.

Il Circo Knie è di tappa a Berna, poi si sposterà a Ginevra. Il nuovo programma è ben accolto dal pubblico. Il cantante Bastian Baker accompagna lo spettacolo. Anche il duo di acrobati Ursus & Nadeschkin fa ridere, tra l'altro con una mucca e un asino.

Un'altra ragione del successo del Circo Nazionale Svizzero: l'ottava generazione Knie. Quest'anno, un trio di fratelli entusiasma il pubblico in pista: dopo Ivan, 20 anni, e Chanel, 11 anni, il terzo figlio della direttrice del circo Géraldine Knie, Maycol junior, 4 anni, sale alla ribalta su un pony.

Il più piccolo è il più grande. È una tradizione dei Knie. Anche sua madre e i suoi due fratelli hanno debuttato nel circo a questa età.

Ivan Frédéric Knie, oggi faremo un gioco di domande e risposte: nei prossimi 45 minuti ti farò il maggior numero possibile di domande e tu risponderai nel modo più rapido e spontaneo possibile. Se una domanda non è di tuo gradimento, puoi semplicemente dire «prossima».

Va bene, è tutto chiaro.

Diventare un artista era un tuo sogno?

Decisamente.

Bagno o doccia?

Doccia.

Cane o gatto?

Sono un grande appassionato di cani. La nostra famiglia ha avuto tre cani per anni. Purtroppo sono tutti morti, l'ultimo l'anno scorso.

Ti piacerebbe avere di nuovo un cane?

Sì.

Sei cresciuto con i cavalli. Cosa ti affascina di più di questi animali eleganti?

Tutto ciò che riguarda i cavalli mi affascina: il loro carattere, il loro temperamento e la loro capacità di apprendimento. Sono incredibilmente sensibili. Sono animali che si spaventano facilmente e quindi richiedono molta empatia. Due anni fa ho avuto un gruppo di cavalli tutto mio. All'inizio, avevo contatti con i sei giovani arabi purosangue due o tre volte al giorno.

Sull'autore Bruno Bötschi
Redattore blue News Bruno Bötschi
KEYSTONE

Il redattore di blue News Bruno Bötschi dialoga regolarmente con personalità note della Svizzera e dell'estero per la rubrica «Bötschi domanda». Fa loro molte domande, sempre dirette, spesso divertenti e a volte profonde. Fino all'ultima domanda, resta aperto a dove lo porterà questo ping-pong di domande-risposte.

Contatto significa allenamento, giusto?

Prima si trattava di costruire una connessione tra di noi. Gli animali dovrebbero imparare a sentire che non c'è pericolo da parte mia, che non hanno nulla da temere da me. È una cosa che, tra l'altro, preservo anche durante lo spettacolo.

Cosa vuoi dire?

Con questo intendo dire che anche se il mio numero di dressage non dovesse andare alla perfezione durante un'esibizione, non sfogherei mai la mia rabbia sui miei cavalli. Preferisco lanciare il mio cellulare contro un muro o urlare la mia rabbia.

Cosa ti hanno insegnato i tuoi cavalli?

Pazienza e autocontrollo. Quando lavoro con un cavallo, dimentico tutto ciò che mi circonda. I cavalli sono una scuola di vita.

Ho un grande rispetto per i cavalli, a volte anche un po' di paura. Cosa potresti fare per togliermela?

Il modo migliore per superare la paura degli animali è cercare di entrare in contatto con loro. Se lo fa regolarmente, costruite automaticamente una relazione e allo stesso tempo la sua paura si riduce.

Ci sono state situazioni in allenamento o durante una performance in cui hai avuto paura, ad esempio dopo una caduta?

No.

Quante volte sei caduto da cavallo?

Innumerevoli volte.

Quanto spesso ti sei è infortunato?

Fortunatamente non ho mai subito lesioni gravi. E sa cosa è molto importante dopo una caduta? Devi risalire immediatamente sul cavallo che ti ha buttato giù. Prima che tu possa pensare troppo alla caduta o iniziare ad avere dei dolori. Andare avanti impedisce immediatamente alla paura di stabilirsi nella tua testa.

Quante volte un cavallo ti ha calpestato un piede?

Questa mattina già tre volte.

«Anche se il mio numero di dressage non dovesse andare alla perfezione durante un'esibizione, non sfogherei mai la mia rabbia sui miei cavalli»: Ivan Frédéric Knie.
«Anche se il mio numero di dressage non dovesse andare alla perfezione durante un'esibizione, non sfogherei mai la mia rabbia sui miei cavalli»: Ivan Frédéric Knie.
Nicole Bökhaus

Manca ancora un'ora all'inizio dello spettacolo, cosa fai?

Non conosco nessun rituale. Potrebbe essere che io stia ancora giocando a tennis. Sono una persona che ha bisogno di molta varietà.

30 minuti prima dello spettacolo ...

... Inizio con i preparativi. Per prima cosa metto il gel sui capelli.

E cinque minuti dopo...

Poco prima del mio numero, vado con i cavalli a riscaldarmi nel nostro maneggio coperto.

Hai qualche rituale dopo lo spettacolo?

Bevo una tazza di tè (ride).

Nel programma «Knie» di quest'anno, molti spettatori rimangono senza fiato quando i Mad Flying Bikers volano attraverso il tendone durante le loro azioni di motocross freestyle. Ti piace il loro numero?

I Mad Flying Bikers sono fantastici. Assumere gli artisti in moto è stata probabilmente la decisione migliore da molto tempo da parte di mia madre Géraldine Knie e del mio patrigno Maycol Errani. Mi piace il fatto che il Knie sia diventato più moderno negli ultimi anni, ma allo stesso tempo le nostre radici sono rimaste visibili. Non voglio essere troppo autoelogiativo, ma credo che i miei genitori abbiano gestito abbastanza bene questo cambiamento.

In questa stagione, la troupe di motociclisti stabilirà anche un record mondiale: per la prima volta, un quad a quattro ruote esegue un salto con una capriola in aria sopra la pista. Riesci a immaginare di volare su una moto un giorno?

Adoro le moto, ma i miei nonni mi hanno severamente proibito di comprarne una. Ma i ragazzi del Mad Flying Bikers mi hanno proposto più volte di fare una sessione di allenamento con loro. Probabilmente un giorno lo farò. Ma di certo non sarà un salto mortale e non con un quad (ride).

Hai un numero preferito nell'attuale programma «Knie»?

Non voglio riservare un trattamento preferenziale a nessuno. Ma naturalmente il gesto della moto che ho appena descritto è pura follia. I ragazzi rischiano la vita in ogni spettacolo. Ma mi piacciono anche i numeri acrobatici più tranquilli. Io stesso mi sono allenato in acrobazia, quindi so quanto sia difficile compiere simili imprese.

Guardando al passato, quali sono stati i cambiamenti del Circo Knie negli ultimi anni con cui hai avuto più difficoltà?

Quando ero bambino, durante un tour abbiamo visitato circa 50 luoghi in Svizzera. Oggi ci rechiamo ancora in circa 25 località perché la logistica è diventata sempre più complicata negli ultimi anni. Da ragazzino, per me era estremamente divertente esibirmi sempre in altre città. Ammetto che oggi mi manca quella sensazione di essere sempre in viaggio. Ci sono anche luoghi a cui mi sono particolarmente affezionato in gioventù: Burgdorf, per esempio.

Perché proprio Burgdorf?

Probabilmente perché ogni volta che abbiamo presentato il nostro spettacolo a Burgdorf, ho potuto festeggiare il mio compleanno.

Quanto è stato difficile per te dire addio agli elefanti?

Così come sono cresciuto con i cavalli, sono cresciuto anche con gli elefanti. Avevo 17 anni quando sono stati in tour con noi per l'ultima volta e sì, mi ha fatto male dire addio. Ma allo stesso tempo sono consapevole che il Circo Knie continuerà e dovrà continuare a svilupparsi. Quindi ci saranno sempre cambiamenti in futuro. E questo è un bene.

Tua madre Géraldine o tuo nonno Fredy Knie Jr. ti hanno mai vietato di eseguire un numero in pista?

Ci sono numeri di cavalli che mio nonno mi aveva sconsigliato di fare per il loro livello di difficoltà. Allo stesso tempo, ho potuto imparare molto da lui e dai miei genitori nel corso degli anni. Amo anche le sfide. Finora ho fatto tutti i numeri che mi venivano in mente, indipendentemente dalle obiezioni dei miei genitori o di mio nonno. Anche mio nonno aveva delle riserve sul mio attuale numero di cavalli. Sono ancora più orgoglioso che ora funzioni così bene.

«Mio nonno aveva delle riserve sul mio attuale numero di cavalli. Sono ancora più orgoglioso che ora funzioni così bene»: Ivan Frédéric Knie (a sinistra) parla di suo nonno Freddy Knie Junior (a destra).
«Mio nonno aveva delle riserve sul mio attuale numero di cavalli. Sono ancora più orgoglioso che ora funzioni così bene»: Ivan Frédéric Knie (a sinistra) parla di suo nonno Freddy Knie Junior (a destra).
KEYSTONE

Quattordici dei 37 artisti che si esibiscono al «Knie» in questa stagione provengono dall'Ucraina. Mentre nel loro paese c'è la guerra, danno il massimo in pista: come affrontano la pressione?

È incredibile il modo in cui lo affrontano. In pista, fanno uno sforzo in più per essere in grado di fare lo spettacolo. Allo stesso tempo, capisco che nella loro vita privata sono spesso più tranquilli o tristi. La maggior parte dei nostri artisti ha ancora parenti e amici in Ucraina.

Dopo l'invasione russa, il Circo Knie ha offerto agli artisti ucraini di portare i loro parenti dall'Ucraina per unirsi a loro. Quanti di loro vivono con voi?

Attualmente ci sono tre famiglie ucraine: due sono in viaggio e per una abbiamo organizzato un appartamento a Rapperswil. Tuttavia, alcuni parenti non vogliono partire o non vogliono trasferirsi così lontano dall'Ucraina. Diversi artisti mi hanno anche detto che sarebbe più vantaggioso per loro e per le loro famiglie se potessero lavorare e guadagnare con noi e sostenere così i loro parenti in Ucraina.

A luglio compirai 21 anni. Tua madre ti ha già chiesto se ti piacerebbe lavorare al Circo Knie?

Sì e no. Mia madre mi dice sempre: se voglio fare qualcosa, devo farlo con tutte le mie forze. Fare solo «un po'» di circo non funziona.

Ci sono stati momenti in cui non hai più voluto fare il circo, in cui poteva anche immaginare di affrontare un'altra sfida?

Sì, ci sono stati quei momenti. Mi sono esibito anche in altri circhi, ad esempio ad Amsterdam e a Monte Carlo.

E fare qualcosa di completamente diverso dal circo?

Non lo escludo completamente. Al momento, però, il circo è la mia vita.

A che cosa è associato il termine «casa» per te, a un odore, a un sapore o a un'immagine?

La casa ha a che fare con le persone. La mia casa è dove vivono la mia famiglia e i miei amici. Vi faccio un esempio: anche se non passo molto tempo con i miei nonni in Italia, appena sono con loro mi sento a casa anche lì. Il che ha sicuramente a che fare con il fatto che amo il cibo italiano (ride).

Da marzo siete di nuovo in tournée con il Circo Knie: quanto è grande la vostra roulotte?

Sette metri di lunghezza e circa tre di larghezza.

Quali sono le tre cose che devono assolutamente essere presenti nella vostra roulotte?

Un buon impianto musicale, una doccia con bagno e un grande letto.

Che libro c'è sul suo comodino in questo momento?

La lettura non è uno dei miei hobby.

Netflix – sì o no?

No.

«La casa ha a che fare con le persone. La mia casa è dove vivono la mia famiglia e i miei amici»: Ivan Frédéric Knie insieme alla madre Géraldine, al patrigno Maycol e ai fratelli Chanel e Maycol junior.
«La casa ha a che fare con le persone. La mia casa è dove vivono la mia famiglia e i miei amici»: Ivan Frédéric Knie insieme alla madre Géraldine, al patrigno Maycol e ai fratelli Chanel e Maycol junior.
Nicole Bökhaus

Avevi quattro anni quando hai debuttato sulla pista nel 2005 con il pony Shetland Gigolo, il pony Lafayette e il frisone Aramis. Che ricordi hai ancora di quel periodo?

Ero molto nervoso prima dell'esibizione a causa dei molti spettatori presenti sotto il tendone, ma allo stesso tempo volevo mostrare il mio numero. Volevo dimostrare quello che sapevo fare. Una legge non scritta del Circo Knie è: «I bambini non devono andare in pista se non vogliono». È vero. E sapete una cosa: ero un bambino piuttosto pigro (ride).

Quindi ci sono stati momenti in cui non ti sentivi di fare il tuo spettacolo?

C'è stato un periodo, credo avessi 10 o 11 anni, in cui preferivo rimanere in roulotte a giocare alla Playstation o a guardare la TV invece di mostrare il mio numero.

Ma questa fase di sfida non durò a lungo. I tuoi genitori ti hanno messo sotto pressione?

Per niente. Mi sono reso conto che i miei amici che erano impegnati in altri circhi si allenavano sempre di più e stavano avendo più successo. Sono stato anche motivato dal fatto che i giovani artisti sono stati premiati con il Clown d'Oro al Festival Internazionale del Circo di Monte Carlo. Anch'io volevo farlo... e l'ho fatto. Proprio così. Due anni fa ho vinto il Clown d'Oro insieme al mio patrigno Maycol Errani e a suo fratello Wioris Errani per il nostro numero di cavalli congiunto.

Quanto è importante per te l'applauso?

L'applauso è probabilmente la cosa più importante. È la ciliegina sulla torta, per così dire. È per questo che mi alleno e lavoro ogni giorno. Voglio intrattenere il pubblico, offrirgli un buon intrattenimento.

Sei superstizioso?

No.

In nessun altro settore la superstizione è così diffusa come nel teatro. Pure  nel circo esistono regole di questo tipo: ad esempio, non si dovrebbe camminare sotto una scala.

Conosco questa regola, ma non l'ho mai messa in discussione. Inoltre, non bisognerebbe sedersi sul bordo del tendone dando le spalle all’arena. Ma detto tra noi, ogni tanto lo faccio lo stesso (ride).

Nel Circo Knie vale ancora la regola del suo bisnonno, ovvero «Chi vive nel circo impara presto il motto: sorridi sempre, tieni duro»?

Sì, questa regola esiste. Tuttavia, ho già pianto nell'arena. Dopo un urto con un pony, inciampai e caddi nella segatura. Le prime lacrime stavano già scendendo sul mio viso quando mio nonno mi prese in braccio e mi disse amorevolmente: «Puoi piangere lì dentro, non in pista».

Nel programma televisivo «G&G - Volti e storie» (trasmissione sul mondo dello spettacolo e del cinema, ndt.) avete recentemente raccontato di un animale selvatico che è attualmente in tour con voi ...

... probabilmente stai parlando di Bastian Baker (ride).

Esattamente. Quale tratto caratteriale apprezzi di più di Bastian Baker?

Io e Bastian stiamo benissimo insieme. Credo di poter dire che al momento è il mio migliore amico. Insieme affrontiamo le difficoltà. È un grande cantante, un grande artista e anche un ragazzo molto simpatico.

In «G&G - Volti e Storie» hai detto che un tour con Bastian Baker è piuttosto faticoso. Perché?

Gliel'ho detto solo per far sì che se la tiri troppo (ride).

A te e a Bastian Baker piace uscire insieme. La gente dove potrebbe incontrarvi?

È vero, ci piace uscire insieme. Bastian non beve alcolici e segue una dieta vegetariana. Ed è per questo che non bevo quasi mai alcolici, il che rende la vita notturna molto più facile per motivi ricreativi. Io e Bastian usciamo spesso a cena insieme e ogni tanto andiamo a ballare in discoteca. Per me è importante poter sperimentare una grande varietà nella mia vita privata, oltre alla routine quotidiana spesso molto faticosa del circo. Troppa routine mi annoia.

Bastian Baker e voi state provocando molti «ah» e «oh» durante il tour in corso. Entrambi salite sul dorso di due cavalli ciascuno e cavalcate fianco a fianco. Chi ha avuto l'idea di questo numero spettacolare chiamato «Posta ungherese»?

Mia madre. Un anno e mezzo fa mi chiese se pensavo che Bastian potesse farcela.

Qual è stata la tua risposta?

Ero convinto fin dall'inizio che Bastian potesse farcela. È molto sportivo. Se ha un obiettivo in mente, fa di tutto per realizzarlo. Tuttavia, ho suggerito a mia madre di mostrare il numero insieme, per renderlo ancora più spettacolare.

«Ero convinto fin dall'inizio che Bastian potesse fare la "Posta ungherese". È molto atletico. Se ha un obiettivo in mente, fa di tutto per realizzarlo». Ivan Frédéric Knie (a sinistra) su Bastian Baker.
«Ero convinto fin dall'inizio che Bastian potesse fare la "Posta ungherese". È molto atletico. Se ha un obiettivo in mente, fa di tutto per realizzarlo». Ivan Frédéric Knie (a sinistra) su Bastian Baker.
KEYSTONE

Quanto talento hai come cantante?

Non molto, ma di tanto in tanto canto ancora sotto la doccia. Bastian sta anche cercando di insegnarmi a suonare la chitarra.

Quante possibilità ci sono di un duetto canoro Baker/Knie?

Chissà cosa succederà l'anno prossimo (ride).

E come procede la tua carriera tennistica? Anche Bastian Baker voleva allenarla.

Proprio così.

Hai mai battuto Bastian, che ha dieci anni più di te, sul campo da tennis?

Ehm... di solito giochiamo insieme al tie break. Lo ammetto, per ora vince ancora lui. Ma sto migliorando sempre di più e sono convinto che la mia prima vittoria sia molto vicina.

Cosa rende così speciale l'amicizia tra te e Bastian Baker?

Siamo andati d'accordo fin dal primo giorno. Abbiamo lo stesso senso dell'umorismo e anche gusti simili in fatto di donne.

Avete mai litigato perché trovavate attraente la stessa donna?

No, mai.

Come sta andando l'amore nella tua vita?

Non male.

Vuoi dire di più?

Non proprio.

Hai una ragazza?

No.

Il tour «Knie 2022» dura fino alla fine di dicembre. Il Circo Nazionale Svizzero sarà a Lugano, unica tappa ticinese, dal 25 novembre al 4 dicembre.