Portobello: la Nazionale Maxibasket Over 70 contro Antonella Clerici

CoverMedia

7.11.2018 - 11:13

Source: Covermedia

«Trasformati in fenomeni da baraccone senza alcun rispetto»: la squadra è indignata per il trattamento ricevuto nella puntata di sabato.

La Nazionale Maxibasket Over 70 è furiosa contro Portobello e la conduttrice del revival dello show Antonella Clerici.

Uno dei componenti della squadra, Peppe Vento, ha pubblicato sui social network una lettera indirizzata alla presentatrice e agli autori del programma, esprimendo «rabbia, delusione e indignazione» per aver trattato lui e i suoi compagni come dei «fenomeni da baraccone senza alcun rispetto».

«Avete volutamente dimenticato che non si trattava di una squadra di ragazzini del minibasket, che in ogni caso avrebbero meritato maggiore rispetto – ha scritto Vento – , ma di 16 professionisti affermati tra i 70 e i 78 anni che si sono messi in gioco in maglietta e pantaloncini per rilanciare un messaggio di alto valore sociale, sportivo, culturale e salutare dimostrando come l’attività fisica e sportiva in genere, ma a maggior ragione se praticata da diversamente giovani, porti benefici incalcolabili anche sotto il profilo economico alla collettività».

Vento & co lamentano il poco tempo dato a loro disposizione, in occasione della presenza della squadra nella puntata di sabato 3 novembre, e di aver disatteso il programma che era stato stabilito.

La lettera si conclude con un affondo finale contro Antonella: «Ecco il motivo per il quale avete indici di ascolto ridicoli, considerando che siete su Rai 1 di sabato ed in prima serata; cara Clerici ti andava meglio quando stavi dietro i fornelli».

Portobello era finito poche settimane fa nel mirino degli animalisti, che chiedevano a gran voce la liberazione dal trespolo del pappagallo portato a spasso dalla Clerici nel promo dello show. Molte le critiche giunte anche dalla vedova di Enzo Tortora per il ricordo «monco» offerto al papà dello show.

Intanto Portobello è stato surclassato negli ascolti da Tu Sì Que Vales.

Curiosità da star

Tornare alla home page

CoverMedia