Sanremo 2018: Ermal Meta e Fabrizio Moro restano in gara

CoverMedia

7.2.2018 - 15:33

Source: Covermedia

In conferenza stampa, il direttore artistico Claudio Baglioni e uno degli autori del festival Claudio Fasulo hanno escluso l’ipotesi di plagio.

Ermal Meta e Fabrizio Moro non rischiano l’eliminazione dal festival.

I due cantanti erano finiti al centro del dibattito per un presunto plagio a causa della troppa somiglianza tra il loro brano «Non mi avete fatto niente» e «Silenzio», presentato a Sanremo Giovani nel 2016 da Ambra Calvani e Gabriele De Pascali.

Entrambi i testi sono stati scritti dallo stesso autore Andrea Febo: particolare che ha reso ancora più intricata la faccenda.

A «scagionare» i due cantanti c’ha pensato il vicedirettore di Raiuno e uno degli autori del festival Claudio Fasulo durante la conferenza stampa.

«Nessuno scoop. Non si tratta di un plagio perché l’autore era lo stesso e perché aveva proposto una rielaborazione del proprio brano. Nel regolamento è prevista la possibilità di riutilizzare stralci di altri brani, purché non superiore al 30% del brano. La canzone ha i requisiti a tutti gli effetti», ha dichiarato Fasulo che ha poi aggiunto: «L’autore del brano ha chiesto il diritto all’oblio e quindi ha chiesto di rimuovere il link dal sito della Rai collegato al brano suddetto».

Pochi istanti prima, Baglioni si era espresso in merito alla vicenda, definendo la somiglianza tra i due brani come «autocitazione».

«Sono in attesa di notizie sull’evento - ha dichiarato il direttore artistico -. Non è un plagio musicale ma una autocitazione di una parte di un brano già composto qualche anno fa. Non sono in grado di dirvi nulla ancora, al momento non abbiamo un organismo in grado di porre delle sanzioni. Non so quali tipo di analisi verranno fatte. Mi sembra di ricordare che ci fu qualcosa di simile anni fa con gli Avion Travel».

Intanto la prima serata del festival ha fatto registrare degli ascolti da record, con una media di 11.6 milioni di telespettatori e uno share del 52.1%.

Soddisfazione in sala stampa da parte di Baglioni, Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino.

Tornare alla home page

CoverMedia