Esplosione dei costi

Anche La Cattedrale del calcio milanese soffre la crisi

bfi

26.6.2022

3t
Il progetto «La Cattedrale» per il nuovo stadio di Milano
twitter

L'aumento massiccio dei prezzi delle materie e l'inflazione hanno triplicato i costi del futuro nuovo stadio dei due club di Milano. Il club rossonero ritorna così sull'idea di avere uno stadio solo suo. 

bfi

26.6.2022

Lo si attende da anni. Nerazzurri e rossoneri milanesi vorrebbero avere anche loro uno stadio al passo con i tempi. Un'arena moderna che sostituisca il 'vecchio' San Siro.

Ma i tifosi delle due fazioni dovranno ancora attendere.

Come riporta Mediaset, Massimo Ferrari infatti, consigliere d'amministrazione del Milan, ha sottolineato come il costo del progetto di un nuovo stadio a Milano debba essere totalmente rivisto a causa dell'esplosione dei costi.

La cifra preventivata per l'intero intervento urbanistico parlava di 1,2 miliardi di euro, 700 milioni dei quali riservati per il solo impianto sportivo.

L'aumento generalizzato del costo delle materie prime e la crescente inflazione hanno quasi triplicato i costi del progetto, arrivando ora a superare i 3 miliardi di euro.

Il progetto per lo stadio (vedi sopra) è pronto sul tavolo da tre anni, ma ostacoli urbanistici e non solo hanno rallentato l'inizio dei lavori, tanto che ora il sindaco del capoluogo lombardo, Giuseppe Sala, e le due società stanno pensando a delle alternative.

Il Milan aveva già paventato in passato l'idea - che ora si fa di nuovo strada - di orientarsi verso un proprio stadio di proprietà, nella zona di Sesto San Giovanni. Suolo privato, pochissimi vincoli architettonici e urbanistici e nessun accordo da trovare con il sindaco.

Soluzione questa che risolverebbe il problema a metà, in quanto l'Inter si troverebbe così a dover trovare da solo un'alternativa.

Lo stadio di proprietà del solo Milan è un progetto che interessa molto Massimo Ferrari, perché l'amministratore del Milan è contemporaneamente anche direttore generale di 'Webuild' un colosso delle costruzioni.

Il gruppo italiano, oltre ad aver già una grande esperienza in fatto di stadi di calcio - Webuild ha costruito alcuni dei futuristici impianti per i Mondiali di Qatar 2022 -  ha anche già realizzato un progetto inteso per collegare con trasporti pubblici l'area di Sesto San Giovanni, dove potrebbe appunto sorgere lo stadio.

Vale la pena ricordare che in Italia non è solo Milano a dover costruire o sistemare uno stadio non più al passo con i tempi, ma vi sono diverse grandi città, come Roma e Napoli, che dovranno realizzare le stesse opere.

Si aprono dunque importanti opportunità immobiliari per grandi fondi d'investimento.