Zero gol, zero assist

Nonostante tutto: «Shaqiri è quel giocatore speciale»

bfi

19.3.2022

Chicago Fire's Xherdan Shaqiri runs during an MLS soccer match, Saturday, Feb. 26, 2022, in Fort Lauderdale. Fla. (AP Photo/Doug Murray)
Xherdan Shaqiri
KEYSTONE

Stasera scenderà in campo per la quarta volta con la maglia dei Chicago Fire e anche se non ha ancora segnato, lo società di MLS crede molto nel folletto rossocrociato.

bfi

19.3.2022

Dopo tre partite disputate in Major League Soccer, Xherdan Shaqiri non ha ancora lasciato il segno, e le statistiche sono impietose: zero gol e zero assist in 270 minuti - anche se la squadra ha segnato solo due reti nelle tre partite giocate dall'elvetico. Tuttavia, dicono ancora i numeri, le occasioni create da Shaqiri - passaggi chiave o assist - sono arrivate ogni 24,5 minuti.

Questo dato di per sé è quasi il doppio di quanto fatto a Lione, meglio anche dei 29,1 minuti fatti registrare dal nazionale svizzero con la maglia del Liverpool.

Vero anche, che contro avversari di caratura minore il numero 10 ha a disposizione più spazio e occasioni per creare, ma meno soluzioni su cui appoggiarsi.

Un ruolo più libero

«Chicago sembra aver trovato un ruolo adatto per lo svizzero», ha detto Tor-Kristian Karlsen, scout e dirigente, ex CEO e direttore sportivo dell'AS Monaco e oggi collaboratore di ESPN. «Shaqiri era originariamente un'ala destra invertita, e Hendrickson lo sta usando intelligentemente in un ruolo più libero dietro gli attaccanti. Da quel ruolo centrale, Shaqiri può abbassarsi per dare avvio alla costruzione del gioco, come, occasionalmente, può trovare spazio più in alto, tra le linee».

«Shaqiri è quel giocatore speciale»

«Se si guarda alle squadre che hanno vinto gli ultimi campionati, c'è sempre quel giocatore speciale», ha detto ancora Karlsen.

«L'anno scorso fu il caso dell'attaccante del New York City Valentin Castellanos, un paio di anni fa fu Lucas Zelerayan a fare le fortune di Columbus, Atlanta si appoggiò alla gran vena di Josef Martinez... Penso che si abbia bisogno di giocatori così per modificare davvero il corso di una partita, qualcuno che con uno schiocco delle dita, possa cambiare i destini di un intero campionato. Può trattarsi di un gol all'89esimo minuto o forse di una punizione calciata ad arte. Penso che sia qualcosa che Shaqiri può portare a questa squadra».

Resistenza sull'arco di 90 minuti

Ma vi sono anche dubbi sulla resistenza fisica del 30enne. Nella sua ultima stagione ad Anfield, Shaqiri ha giocato per più di un'ora solo in sette delle sue 22 presenze; non semplice trovare spazio tra i vari Mohamed Salah, Sadio Mané e Diogo Jota. A Chicago, finora, Shaq ha giocato 270 minuti in tre incontri.

Secondo il CIES Football Observatory, la MLS è il nono campionato più intenso al mondo, con le squadre che percorrono una media di 101,1 chilometri a partita. In Premier League la distanza media è di 100,8 km, mentre la media globale è 99,9.  In Ligue 1, dove il rossocrociato ha vestito la maglia del Lione, la media di chilometri percorsi è di 98,6. 

Viaggi più lunghi

In MLS i viaggi - in aereo - sono più intensi e frequenti, e anche questo aspetto incide sul recupero di un giocatore. Fortunatamente Chicago è una delle squadre più centrali della MLS, eppure tre delle prossime cinque trasferte - Orlando, Atlanta e New York - richiedono voli di due ore o più.

Shaqiri, in Francia, ha avuto solo una trasferta con un tempo di volo così lungo.

Capacità tecnica e visione ancora presenti

Anche se la sua resistenza e la velocità di Shaqiri non sono più quelle di alcune stagioni fa, Karlsen ha apprezzato ciò che ha visto finora. «La sua visione nell'individuare un compagno e la capacità tecnica di ammaestrare la palla, non lo hanno ancora abbandonato», ha detto il 46enne sulle onde di ESPN.

«La natura un po' meno veloce del gioco in MLS offre ai giocatori creativi come Shaqiri più tempo per tenere la palla, per inventare e per generare occasioni partendo dal centro».

«Finché c'è molto movimento intorno a lui, il trentenne rimane una grande fonte di creatività, ogni volta che si trova la palla sui piedi», ha concluso l'esperto che crede molto nello svizzero, così come la società che lo ha accolto a braccia aperte, con la speranza che Shaq possa davvero portare i Fire in alto, dove mai finora sono arrivati.