L'erede di Raiola

Rafaela Pimenta è «la persona più importante del calcio che nessuno conosce»

fon

29.6.2022

Rafaela Pimenta.
Amazon Prime Video

La brasiliana rappresenta alcune delle più grandi stelle del calcio di sempre, è nel giro da anni, ma è solo dalla morte del suo storico socio d'affari Mino Raiola che è apparsa sotto i riflettori.

fon

29.6.2022

Zlatan Ibrahimović resisterà per un'altra stagione? Paul Pogba tornerà davvero alla Juventus a Torino? È su domande come queste che gli appassionati di calcio si arrovellano il cervello in queste calde giornate e serate estive. Ma le risposte a domande come queste sono note solo ai giocatori stessi, e molto probabilmente ... a Rafaela Pimenta.

Pimenta è un'avvocatessa, che ha lavorato per circa 18 anni con il procuratore sportivo Mino Raiola, deceduto alla fine di aprile. La brasiliana detiene ora la maggioranza delle azioni dell'agenzia di consulenza One. L'azienda fornisce consulenza a star del mondo del pallone come Erling Haaland, Matthijs de Ligt, Marco Verratti e molti altri.

Dopo la morte di Raiola, molti si sono chiesti: cosa succederà a tutte le sue stelle? Chi le consiglierà ora? Ma pochi giorni dopo la scomparsa dell'agente è stato perfezionato il trasferimento dell'attaccante Erling Haaland dal Borussia Dortmund al Manchester City. La principale responsabile è stata Rafaela Pimenta. Una donna di cui si sa poco. Su Wikipedia, ad esempio, non si trova alcuna voce su di lei. Per scoprire la sua età non basta digitare il suo nome su Google. Inoltre, non si trova quasi nessuna intervista su di lei o sue, così come scarseggiano pure le fotografie.

Un approccio rigoroso

Per anni è rimasta in secondo piano, lasciando che Raiola brillasse. Sembrava che stesse gestendo da solo tutti i trasferimenti spettacolari. Pimenta, tuttavia, è sempre stata fortemente coinvolta e ha svolto un ruolo importante nel successo di Agency One. Attualmente lavorano al fianco di Pimenta il cugino di Mino Raiola, Vincenzo, come esperto di comunicazione, scout e segretario. Anche i figli del procuratore scomparso, Mario e Gabriele, sono stati introdotti nel business.

Dopo gli studi all'Università di San Paolo, Pimenta ha lavorato per l'ex presidente brasiliano Fernando Henrique Cardoso e ha ricoperto un ruolo importante presso l'ufficio antitrust. Si dice che anche lì abbia impressionato per il suo approccio rigoroso.

Una qualità che la aiuta anche nel difficile mondo del calcio. In questo momento, si dice che sia impegnata a finalizzare il ritorno di Pogba alla Juventus. Nel frattempo i trasferimenti di Haaland al Man City e pure quelli di Noussair Mazraoui e Ryan Gravenberch dall'Ajax Amsterdam al Bayern sono già stati completati.

L'incontro Raiola-Pimenta

Pimenta ha fatto una delle sue poche apparizioni pubbliche nel documentario di Amazon «The Pogmentary», pubblicato recentemente. Si dice che abbia un rapporto particolarmente stretto con il campione del mondo francese, e lo si capisce anche dal fatto che i figli di Pogba si rivolgono a Pimenta chiamandola «zia Rafa».

«The Athletic» cita un direttore sportivo della Premier League che descrive la brasiliana come la «negoziatrice più dura del calcio», definendola pure  «la persona più importante del calcio che nessuno conosce».

Raiola e Pimenta si sono incontrati nel 1998 in occasione di una partita di beneficenza del club Guaratinguetá delle ex stelle Rivaldo (50) e César Sampaio (54). Poco dopo i due hanno iniziato la loro fortunata collaborazione.

Dalla morte di Raiola, la donna in secondo piano, che si dice parli correntemente sei lingue, ha fatto diversi passi avanti. Sembra che non ci sia da preoccuparsi per la società di consulenza relativamente piccola e per i suoi clienti. Le stelle del calcio mondiale sembrano essere in buone mani con One, anche negli anni a venire.