Nuova strategia, nuovi generali

Perché Putin sta trasformando il suo esercito?

Di Andreas Fischer

6.7.2022

Vladimir Putin (al centro) starebbe rimpastando i vertici del suo esercito d'invasione in Ucraina, sostituendo i principali generali.  (foto d'archivio)
Vladimir Putin (al centro) starebbe rimpastando i vertici del suo esercito d'invasione in Ucraina, sostituendo i principali generali. (foto d'archivio)
AP

Bombe e missili sull'Ucraina occidentale: il recente cambio di strategia della Russia è evidente. Il fatto che Putin stia rimescolando anche i suoi alti graduati è poco notato dall'opinione pubblica. Il Cremlino finirà per esaurire i generali?

Di Andreas Fischer

6.7.2022

Vladimir Putin sta apparentemente espandendo i suoi attacchi aerei sull'Ucraina. È sorprendente che la Russia stia prendendo sempre più di mira anche obiettivi lontani dalla linea del fronte. Verso la fine di giugno sono state attaccate aree e città dell'Ucraina occidentale, come Leopoli e la capitale Kiev. Nel sud del Paese, gli attacchi aerei sono stati diretti, tra l'altro, contro la città portuale di Odessa.

Di recente, la Russia ha concentrato le sue truppe nell'Ucraina orientale. L'offensiva nel Donbass sta progredendo, anche se lentamente. 

Il cambio di strategia costringe l'Ucraina sulla difensiva

Ma ora la strategia della Russia sembra cambiare. Con gli attacchi a Kiev e all'Ucraina occidentale, Putin potrebbe cercare di dividere le forze di difesa ucraine in modo che almeno una parte debba essere ritirata dal fronte conteso.

«Costringe l'esercito ucraino a disperdere le difese aeree per proteggere gli agglomerati civili. Il che significa solo che non possono essere mandati al fronte», valuta l'analista militare Niklas Masuhr del Centro per gli studi sulla sicurezza del Politecnico di Zurigo, ai nostri microfoni.

Secondo Masuhr, gli attacchi missilistici sull'Ucraina occidentale potrebbero anche essere finalizzati a distruggere le infrastrutture critiche, le vie di rifornimento e i depositi e, non da ultimo, a esercitare pressione su Kiev.

Putin non si accontenterà del Donbass, aveva sottolineato di recente Masuhr in un'intervista a blue News: «A mio parere, si tratta ancora di distruggere l'Ucraina come realtà politica».

Qual è la minaccia della Bielorussia?

Nel frattempo, nella capitale ucraina Kiev, dopo i crescenti attacchi, aumenta il timore che la Russia possa nuovamente aprire un fronte nell'Ucraina settentrionale. Secondo la SRF, il governatore di Kiev ritiene possibile un attacco alla città «dalla Bielorussia in qualsiasi momento». Ci si può aspettare «qualsiasi cosa da un Paese così vicino».

Il dittatore bielorusso Alexander Lukashenko avrebbe radunato circa 4.000 soldati vicino al confine. Tuttavia, l'intelligence ucraina ritiene attualmente molto improbabile che la Bielorussia intervenga attivamente nella guerra senza il sostegno delle truppe russe.

Niklas Masuhr dubita «che la Russia abbia fondamentalmente il potenziale per riprendere a combattere nel nord come ha fatto all'inizio della guerra». Tuttavia, già «la minaccia credibile di un'apertura del fronte a nord potrebbe costringere l'esercito ucraino a rinforzare i settori in quella zona».

Secondo lo Stato Maggiore ucraino, nelle ultime settimane la Russia ha sparato alcuni missili dalla Bielorussia o bombardieri nello spazio aereo bielorusso. L'ex Repubblica sovietica si definisce neutrale nella guerra, che dura da più di quattro mesi, ma è servita come area di sosta per i russi prima della loro fallita offensiva su Kiev.

Inoltre, nei prossimi mesi la Russia prevede di dispiegare in Bielorussia i missili terrestri Iskander, che possono essere armati anche con missili in grado di fornire armi nucleari. Putin lo ha promesso a Lukashenko durante un incontro a San Pietroburgo.

Struttura di comando più stretta

Nel suo stesso esercito, il leader del Cremlino ha rimescolato ancora una volta i vertici. Secondo quanto reso noto, Alexander Dvornikov è stato rimosso dal posto di comandante del Distretto militare meridionale, responsabile dell'offensiva nell'Ucraina orientale.

Il temuto veterano della Siria ha dovuto cedere il comando al generale dell'esercito Sergei Surovikin dopo soli due mesi. Il collettivo di ricerca Bellingcat ha individuato come ragioni la mancanza di fiducia tra le truppe e il consumo eccessivo di alcol.

Marcel Berni, esperto di strategia presso l'Accademia militare del Politecnico di Zurigo (ETHZ), sospetta, in risposta a una richiesta di blue News, che «Putin non era soddisfatto delle prestazioni militari di Dvornikov nel Donbass. I progressi russi sono stati incrementali e negli ultimi mesi Dvornikov non è riuscito a realizzare un grande accerchiamento delle truppe ucraine».

Il Cremlino non sembra essere soddisfatto dei progressi della guerra. Secondo l'indipendente Institute for the Study of War (ISW), di recente c'è stata tutta una serie di rotazioni di posti a livello di leadership. Inoltre, la struttura di comando sarebbe stata snellita e, invece di quattro distretti militari, ora comandano solo due unità di truppe, i gruppi «Sud» e «Centro».

Mosca cambia i generali

Il colonnello generale Gennady Zhidko, che di recente ha lavorato presso il Ministero della Difesa di Mosca e ha anche esperienza di combattimento nella guerra siriana, è ora presumibilmente a capo di tutte le truppe russe in Ucraina. Le informazioni di intelligence corrispondenti sembrano essere state confermate nel fine settimana.

Durante un'ispezione delle forze di terra russe in Ucraina, il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha discusso la situazione con Zhidko, come mostra un video pubblicato su Twitter. Per gli esperti militari, ciò indica che Zhidko è al comando militare.

Per Marcel Berni, «non è chiaro quando esattamente la Russia abbia nominato un comandante in capo per l'operazione. Ora sembra che Zhidko, come comandante generale, abbia una struttura di comando separata sotto di sé».

Putin non dà pace ai generali

Ma cosa significa la rinnovata struttura di comando per la guerra futura? «Putin sta sottolineando ancora una volta che vuole successi rapidi», afferma Berni. «Non sta dando un attimo di tregua ai suoi generali e sta dimostrando di essere pronto a cambiare il personale di alto livello in un breve periodo di tempo. Tuttavia, anche i russi sembrano aver accettato che la guerra in Ucraina sta diventando sempre più simile a una guerra di esaurimento».

«L'organigramma mi lascia ancora perplesso», ammette Niklas Masuhr. L'analista non può indicare una chiara causalità nelle rotazioni nella gerarchia russa, ma sa che «Mosca ha già fatto ruotare i comandanti in Siria, tutti i comandanti ora schierati in Ucraina hanno fatto esperienza lì».

Poiché l'Ucraina riguarda una «guerra molto meno opzionale per il Cremlino», Masuhr sospetta «una certa componente politica» nei rimpasti.

La cultura di comando russa è difficile

Per l'esperto di strategia Berni, il fatto che i comandanti vengano cambiati anche nelle singole unità non è necessariamente un segno di crescente insoddisfazione al Cremlino. «Questa rotazione avviene nelle forze armate russe dall'inizio della guerra. Credo che si tratti più che altro di scoprire quali comandanti si dimostrano all'altezza sul campo di battaglia e quali sopravvivono».

I «più capaci» e i «più fedeli» salirebbero così nella gerarchia militare: «L'esercito russo non ha un'ampia base di sottufficiali. Di conseguenza, le prestazioni degli ufficiali e dei soldati sotto il loro comando sono fondamentali per il progresso bellico russo», analizza Berni.

E se anche i nuovi comandanti non soddisfano le aspettative e vengono sostituiti? Putin sarà poi a corto di generali? Berni non la pensa così: «Putin non esaurirà i generali così rapidamente. Posso immaginare che continuerà a ruotare, soprattutto a livelli di truppe inferiori».

Più problematico è il fatto che Putin «continuerà a coinvolgersi ai massimi livelli nella discussione sugli obiettivi, i mezzi e i metodi della guerra strategica». Questo rende «la cultura del comando nelle forze armate russe molto difficile e rende quasi impossibile l'imperativo dell'unità di comando».

Completato anche con materiale dell'agenzia di stampa dpa.