«Volontari» contro la patria Putin crea un'unità composta da prigionieri di guerra ucraini

phi

17.11.2023

Reclute russe durante l'addestramento militare a Luhansk nel settembre 2023.
Reclute russe durante l'addestramento militare a Luhansk nel settembre 2023.
Imago

La Russia ha costituito un'unità composta da prigionieri di guerra ucraini. Gli uomini avrebbero rotto con Kiev e starebbero partecipando volontariamente al conflitto contro il proprio paese.

phi

17.11.2023

Hai fretta? blue News riassume per te

  • L'esercito russo ha costituito un'unità composta da prigionieri di guerra ucraini. I membri del nuovo battaglione Bohdan Khmelnytsky si sarebbero arruolati volontariamente.
  • Vogliono liberare Kiev e vedono i russi come «fratelli».
  • Ma esiste anche l'inverso: ci sono russi che combattono a fianco dei soldati ucraini contro l'esercito del loro Paese.

Secondo l'agenzia di stampa russa RIA Novosti, il Cremlino sta creando un'unità di ex prigionieri di guerra ucraini per combattere contro il loro Paese d'origine. La formazione di questa forza speciale sarebbe stata decisa già a febbraio.

Dalla fine di ottobre, circa 70 uomini provenienti da diversi campi di prigionia sarebbero stati riuniti per prestare giuramento a Mosca. «Giuro solennemente fedeltà alla mia patria, la Federazione Russa», hanno dichiarato questi disertori. La loro nuova unità si chiama Battaglione Bohdan Khmelnytsky.

Bohdan Khmelnytsky era un leader cosacco che nel XVII secolo si ribellò al dominio della Polonia-Lituania e subordinò il suo popolo allo zar. Il gruppo di ucraini in esilio è affiliato alla Kaskade, l'unità in cui i ricchi e i potenti collocano i loro figli perché è sempre stata schierata ad almeno 80 chilometri dal fronte.

«Non abbiamo tradito il popolo ucraino»

Secondo RIA Novosti, i disertori combattono «per la liberazione del loro Paese dal potere di Volodymyr Zelensky» e per l'unificazione degli ucraini con il popolo russo. «Non abbiamo tradito il popolo ucraino: [È] tenuto in ostaggio dal regime criminale di Kiev», ha dichiarato il soldato Vladislav Kovalenko. I russi sono «fratelli».

Il comandante del battaglione Andrei Tishchenko spiega che i criteri di selezione per la Kaskade sono l'idoneità morale e fisica. Inoltre, i candidati vengono controllati per verificare che non abbiano commesso reati militari o penali.

Finora, l'esercito russo non ha dato l'impressione di essere particolarmente attento al rispetto delle leggi di guerra. Ma, a quanto pare, non è stata esercitata alcuna pressione sugli uomini: hanno stipulato contratti con Mosca, quindi l'intera vicenda non costituisce una violazione della Convenzione di Ginevra.

I russi di destra combattono per Kiev

Ma esiste anche il contrario: ci sono pure unità di russi dalla parte ucraina. La grande differenza è che di solito i loro membri non sono stati catturati, ma hanno disertato volontariamente.

Sono organizzati nel Corpo Volontario Russo (RDK), ad esempio, gruppo di destra non affiliato all'esercito ucraino. Non si sa se Kiev lo sostenga.

L'RDK è stato istituito nell'agosto del 2022 e - insieme alla Legione russa per la libertà - ha già fatto notizia con le sue avanzate in patria.

L'unità continua a lavorare dietro le linee nemiche: l'RDK ha appena diffuso un video su Telegram in cui rivendica la responsabilità dell'attacco a un dipendente del servizio d'intelligence nazionale, l'FSB. Un tenente colonnello di nome Sergei Shati, che avrebbe fornito materiale alle truppe di confine, sarebbe stato ucciso nell'attacco.