Rösti e Polenta Graben

La riforma dell'AVS rivela le linee di divisione del Paese

Di Alex Rudolf

26.9.2022

I vertici del PS svizzero hanno reagito così al «sì» alla riforma dell'AVS.
I vertici del PS svizzero hanno reagito così al «sì» alla riforma dell'AVS.
KEYSTONE

Con una maggioranza risicata, il popolo svizzero ha accettato l'aumento dell'età pensionabile delle donne da 64 a 65 anni. Oltre al sesso femminile, è però stata esclusa un'altra minoranza: la Svizzera latina.

Di Alex Rudolf

26.9.2022

Non è più valido il principio secondo cui le revisioni alla previdenza sociale possono essere effettuate solo con la benedizione dei sindacati e dei partiti di sinistra? L'aumento dell'età pensionabile per le donne da 64 a 65 anni è ormai un dato di fatto e il risultato è stato ottenuto per un soffio: il 50,6% degli aventi diritto ha infatti votato a favore dell'aumento e il 49,4% contro. A fare la differenza sono stati solo 32.319 voti.

Nessuno può quindi dirsi davvero soddisfatto. Non gli avversari, che avrebbero dovuto mobilitarsi solo un po' di più per vincere, e nemmeno i sostenitori, che hanno fatto passare una riforma dell'AVS, il più importante sistema di assistenza sociale della Svizzera, contro la volontà di quasi un elettore su due.

«Faremo esattamente quello che avremmo fatto anche se avessimo vinto: continueremo a lottare per l'uguaglianza»

Tamara Funiciello

Consigliera nazionale (PS/BE)

Gli avversari prendono il risultato risicato con molta sobrietà. «Domani faremo esattamente quello che avremmo fatto se avessimo vinto: continueremo a lottare per l'uguaglianza», dice a blue News la consigliera nazionale del PS Tamara Funiciello.

La socialista ha ascoltato con attenzione la campagna dei sostenitori e ha notato un grande sostegno all'uguaglianza. «Ora a queste parole devono seguire i fatti: servono parità di salario, asili nido e pensioni dignitose».

Nel campo del «sì», invece, il sollievo è grande. Ruth Humbel spiega il risultato non netto con l'incertezza che regnava nella popolazione. La consigliera nazionale argoviese (Il Centro) lo ha giustificato con la «campagna menzognera» portata avanti dai partiti di sinistra.

«L'aumento dell'età pensionabile ha dato alla popolazione qualcosa su cui riflettere, lo si vede dal risultato. Dobbiamo prenderlo sul serio», afferma dal canto suo Monika Rühl di Ecomomiesuisse che, come Humbel, faceva parte della commissione del «sì».

Perché si sono aperte spaccature così grandi con questo modello? Lukas Golder di gfs Berna ha detto alla SRF che non c'è mai stata una così grande differenza di genere nel voto. Circa il 25% in meno di donne ha votato «sì» rispetto agli uomini.

Notevole anche il divari tra «rösti» e «polenta»: numerosi comuni del Ticino, dei Grigioni meridionali e della Svizzera occidentale hanno rifiutato la proposta. Alla conferenza stampa del Consiglio federale, il ministro degli interni Alain Berset (PS) ha affermato che le «diverse considerazioni» devono essere analizzate più da vicino.

«L'innalzamento dell'età pensionabile ha dato da pensare alla popolazione, come si può vedere dal risultato»

Monika Rühl

Economiesuisse

Da dove viene la grande differenza tra la Svizzera tedesca e quella latina? Nella Svizzera francese e italiana, le persone hanno una visione diversa del servizio pubblico, afferma Elisabeth Baume-Schneider. La consigliera di Stato socialista del Giura si è opposta alla riforma dell'AVS. «Nella Svizzera francese e in Ticino, le persone sono più aperte a uno Stato sociale forte per tutti: i risultati delle votazioni lo dimostrano ancora e ancora», afferma.

La gente della Svizzera latina è frustrata? L'innalzamento dell'età pensionabile per le donne non avrebbe avuto alcuna possibilità. «Non la chiamerei frustrazione, ma piuttosto delusione, perché non mancava molto».

Rühl sottolinea che non era così vicino come sembra ora. Perché la riforma dell'AVS21 si compone di due proposte, una delle quali – che riguardava l'aumento dell'IVA – è stata accolta in modo abbastanza chiaro. «Posso immaginare che i vantaggi della proposta - come le donne della generazione in transizione che ricevono un'indennità per tutta la vita - non fossero molto presenti nella Svizzera romanda», continua.

«In Svizzera romanda e in Ticino i cittadini sono più aperti a un forte Stato sociale per tutti, come dimostrano i risultati del referendum»

Elisabeth Baume-Schneider

Membro del Consiglio di Stato (SP/JU)

Per le future riforme è fondamentale che il Parlamento spieghi chiaramente cosa significano concretamente le proposte dell'AVS. «Perché ci riguardano tutti», dice Rühl.

È chiaro che questa non è stata affatto l'ultima votazione sul primo e sul secondo pilastro. L'aumento delle rendite per le donne del secondo pilastro è già in Parlamento e anche l'AVS dovrà essere rivisto nel prossimo decennio. Visto il risultato risicato, è dubbio che le prossime elezioni si svolgeranno nuovamente senza la benedizione dei sindacati e dei partiti di sinistra.