Il Locarno Film Festival non finisce mai

Locarno Film Festival

9.10.2019 - 15:01

Piazza Grande
© Locarno Film Festival

Tutti conoscono gli 11 giorni di Festival, ma in pochi, anzi pochissimi, sanno cosa accade nei 354 che servono a costruirli, ad approntarli. E proprio a questo penserà LocarnoBlue, il colore del dietro le quinte del Locarno Film Festival.

Alla pagina speciale Locarno Film Festival

Il Festival non dorme mai. Certo, per undici giorni si fa davvero sentire con decine di ospiti, centinaia di film e migliaia di spettatori, ma anche quando un’edizione chiude i battenti, spegne i riflettori e smonta l’enorme schermo in Piazza Grande, il Locarno Film Festival continua.

Tira le somme dell’edizione appena passata e inizia a costruire quella che verrà. Consegnato Locarno72 alla storia, avanti con Locarno73. D’altronde, per pensare, ideare, progettare e costruire un’edizione ci vuole ben più di un anno.

È un po’ come il fascino fuori stagione dello stilista che a primavera pensa la linea autunno-inverno, o del copywriter che sotto l’ombrellone pensa alla campagna pubblicitaria di Natale.

Best of Locarno 72

Best of Locarno 72

Best of Locarno 72

Best of Locarno 72

09.10.2019

Raccontare Locarno 73 in costruzione

Insomma, per essere puntuali la sera del 5 agosto 2020 - cerchiate la data di rosso, Locarno73 vi aspetta - è essenziale iniziare a pensarci il 18 agosto 2019, appena salutato Locarno72.

Ecco, questo è ciò che si prefigge LocarnoBlue, la nuova rubrica che da oggi vivrà sulle pagine di bluewin.ch, raccontarvi il Locarno Film Festival in costruzione, il dietro le quinte, il Festival di ottobre, dicembre o marzo, il Festival che pensa e costruisce.

Il Festival che osserva i «suoi» film uscire in sala, il Festival che si prepara con la nuova Retrospettiva o il Festival che si innova mettendo in piedi nuovi progetti, come questo. Buona visione. Anzi no, buona lettura.

Locarno 72 in immagini

Tornare alla home page