Quando la batteria brucia: quanto sono pericolose le auto elettriche? 

13.8.2018 - 11:49, Felix Raymann

Titoli come "I vigili del fuoco hanno paura di Tesla" o "Pericolo per la vita dei soccorritori" vengono spesso usati dai media per sensibilizzare sulle situazioni pericolose che coinvolgono veicoli elettrici accidentati. I veicoli a trazione alternativa sono davvero più pericolosi delle auto convenzionali alimentate a benzina o diesel?

Gli incidenti stradali avvengono ogni giorno. In Svizzera si verificano ogni anno circa 9000 incendi di veicoli - circa 70.000 incidenti segnalati, scrive "Blick". In Germania, secondo «Auto Zeitung», ogni anno sono state segnalate circa 15.000 auto che hanno preso fuoco.

Se un veicolo brucia, le squadre di soccorso sanno cosa fare - dopo tutto, i vigili del fuoco, i paramedici e la polizia hanno potuto acquisire conoscenze da ormai un centinaio di anni su come spegnere le fiamme su veicoli a benzina e diesel senza mettere in pericolo gli occupanti o i soccorritori.

Ogni incidente è un titolo: quando un'auto elettrica brucia, i media spesso ne parlano ampiamente. Il che non fa altro che fomentare una percezione parziale della realtà dei fatti.
Keystone

Cosa succede allora se un veicolo con trazione alternativa brucia, soprattutto i veicoli elettrici sempre più popolari? Poiché questi casi sono ancora piuttosto rari, finiscono in prima pagina: in caso di incendio di Tesla, ad esempio, i rapporti negativi sottolineano come anche il prezzo delle azioni dell'auto diminuisca.

Un pericolo non più grande

Mentre nelle auto convenzionali, il combustibile in fuga può prendere fuoco, con le auto elettriche sono le batterie che possono rappresentare un pericolo di incendio. Inoltre, c'è teoricamente la possibilità che a causa di componenti ad alta tensione danneggiati o di isolamento difettoso gli occupanti o gli addetti al soccorso vengano fulminati.

"Per questo motivo, il lavoro viene svolto sul veicolo con adeguati dispositivi di protezione", afferma Michael Derungs, vigile del fuoco professionista e addetto alla formazione per veicoli con sistemi di propulsione alternativi presso Protezione e soccorso Zurigo. Inoltre, c'è la possibilità che i soccorritori non notino – a causa della mancanza di rumore del motore – che l'auto è ancora accesa e il veicolo inizia a muoversi bruscamente.

"In sostanza, tuttavia, i veicoli elettrici non rappresentano un pericolo maggiore per gli occupanti e per i soccorritori rispetto alle auto convenzionali. A meno che l'apparecchiatura addizionale non sia stata installata in modo non corretto, come può accadere, ad esempio, in veicoli stranieri nel traffico di transito.

Secondo Protezione e soccorso Zurigo, le auto elettriche non sono più pericolose per occupanti e soccorritori rispetto ai modelli a benzina e diesel. Tuttavia, gli addetti ai soccorsi adottano sempre le necessarie misure di protezione prima di mettersi all’opera.
Keystone

Molta acqua per raffreddare la batteria

«Quando brucia un veicolo elettrico non è necessaria nessun'altra procedura rispetto a quando brucia un veicolo con un motore convenzionale. Tuttavia occorre utilizzare più acqua per l’estinzione», afferma Jan Bauke, capo addestramento e vicecomandante dei vigili del fuoco di Protezione e soccorso Zurigo.

La ragione è che l'acqua non entra direttamente nelle celle ben isolate della batteria in fiamme, ma può solo raffreddare le celle circostanti per tenere a bada il fuoco.

Combustione spontanea ...

Negli smartphone le batterie agli ioni di litio possono teoricamente prendere fuoco da sole, cosa che accade in rari casi. Tuttavia, secondo gli esperti, questo pericolo è difficilmente presente nelle automobili. Le batterie per auto differiscono sostanzialmente nella struttura dalle batterie dei telefoni cellulari o di altri dispositivi di piccole dimensioni.

Mentre la batteria di un telefono cellulare è costituita da una singola cella agli ioni di litio che può completamente incendiarsi o esplodere in caso di danni fisici, le batterie per auto sono costituite da migliaia di celle autonome e isolate che potrebbero prendere fuoco senza tuttavia distruggere l'intera batteria o l'intera macchina.

Anche con le auto elettriche un incendio a seguito di un incidente è piuttosto insolito. La stragrande maggioranza degli incidenti non provoca incendi, perché le batterie sono ben isolate e protette in involucri stabili.
Keystone

Le nuove batterie Tesla, ad esempio, hanno un design modulare e sono costituite da mattoni con 31 celle ciascuno. Ogni 23-25 mattoncini formano un modulo, di cui a sua volta sono presenti 16 pezzi. Poiché le singole aree all'interno della batteria dell'auto sono separate l'una dall'altra e ben isolate, l'incendio non si diffonde immediatamente, ma allo stesso tempo l'acqua di spegnimento non arriva da nessuna parte nelle celle interessate. La cosiddetta fuga termica è molto lenta sulle altre celle. Rimane quindi il tempo sufficiente per una possibile fuga dall'auto o un salvataggio dall'esterno.

A causa di questa inerzia – prosegue Martin Derungs – è più probabile che una macchina incidentata non prenda fuoco immediatamente, ma solo dopo un certo tempo. Per questo motivo, si è proceduto alla messa in quarantena di auto elettriche accidentate per un certo periodo di tempo, oppure si è provveduto a esaminarle mediante termocamera su fonti di calore nascoste.

... e fumo velenoso

Per le persone che si trovano nelle immediate vicinanze, il fumo è un pericolo, spiega Jan Bauke: "Se un veicolo elettrico e le sue batterie bruciano, il fumo potrebbe contenere sostanze tossiche come acido fluoridrico e metalli pesanti. Questo può portare a ulteriori problemi, specialmente nel caso di un veicolo elettrico in un parcheggio sotterraneo o in un tunnel."

Liquido di raffreddamento infiammabile

A volte il motivo per cui un'auto prende fuoco dopo un incidente non è la batteria o il carburante. Un refrigerante per sistemi di climatizzazione introdotto di recente ha causato, in diversi incidenti che coinvolgevano auto a benzina o diesel, il contatto del liquido con il motore caldo e l'accensione in pochi secondi. Nelle auto elettriche non ci sono motori caldi, ma il refrigerante potrebbe infiammarsi in caso di incidente e in presenza di altri fattori.

Il refrigerante chiamato "R1234" è piuttosto controverso: mentre l'UE ne ha raccomandato l'utilizzo, la Mercedes, ad esempio, ora rinuncia al suo impiego. Secondo la Süddeutsche Zeitung, anche altri produttori, come la Toyota, vorrebbero escludere in futuro l'uso di tale sostanza chimica.

Nuova formazione per le squadre di soccorso

L'ipotesi che l'incendio di batterie non possa essere estinto o che i veicoli elettrici siano più pericolosi delle auto tradizionali quindi non è vera. Tuttavia, è importante che i soccorritori siano al corrente della tipologia di veicolo con cui hanno a che fare in caso di incidente. Per essere in grado di agire correttamente in caso di emergenza - ad esempio, per interrompere le linee elettriche o per azionare l'arresto di emergenza - le squadre di soccorso devono sapere di che tipo di veicolo si tratta e dove sono i componenti rilevanti.

"Con l'uso di carburanti alternativi e nuove tecnologie di guida, i soccorritori si trovano a confrontarsi sempre più spesso con i relativi problemi specifici", afferma Michael Derungs. Sebbene le forze di Protezione e soccorso Zurigo abbiano dovuto spesso spegnere auto in fiamme, non hanno mai avuto a che fare con l'incendio di un'auto elettrica se non durante le esercitazioni.

«È una macchina a benzina, a batteria o a idrogeno»? Queste informazioni sono vitali per i soccorritori che vengono formati di conseguenza.
Keystone

I veicoli a idrogeno sono doppiamente pericolosi

La combinazione di benzina, elettricità e gas crea anche nuovi pericoli di cui bisogna essere consapevoli. "La coincidenza di diversi sistemi di propulsione nello stesso veicolo complica la valutazione del pericolo reale. I rischi dei gas sono fondamentalmente diversi da quelli delle batterie elettriche, per esempio. Tuttavia, entrambi i sistemi sono presenti contemporaneamente nei veicoli a idrogeno», spiega il responsabile della formazione Michael Derungs.

Le informazioni pertinenti per i servizi di emergenza e per i soccorritori privati sono fornite dalle cosiddette schede tecniche di soccorso TCS o schede di soccorso, che dovrebbero essere presenti in ogni auto sotto il deflettore parasole. Inoltre, le squadre di soccorso hanno accesso a un database corrispondente in cui sono disponibili informazioni sulla sicurezza per tutti i tipi di veicoli autorizzati. Quanto prima si viene a conoscenza di tali informazioni meglio è: nelle chiamate di emergenza, quindi, specificare la tipologia del veicolo coinvolto nell'incidente, aiuta i servizi di soccorso a prepararsi adeguatamente.

Tornare alla home page

Altri articoli