A piede libero

Svizzera: la polizia ricerca ancora questi criminali

Giuliana Paciolla

25.10.2018

Negli Stati Uniti, i criminali in fuga più ricercati dalla polizia federale dell'FBI figurano sulla lista «Most Wanted». Ma ci sono fuggitivi anche in Svizzera. Bluewin vi svela quali sono i casi che danno del filo da torcere alla polizia da diversi anni.

Nella notte tra il 19 e il 20 marzo 2010, un apprendista giardiniere di Zurigo di 17 anni è stato assassinato davanti a un club alla moda del quinto arrondissement di Zurigo. Il caso non è ancora stato risolto. La vittima è stata probabilmente pugnalata – e ancora oggi, più di otto anni dopo i fatti, l'autore di questo crimine è sempre attivamente ricercato.

Secondo la polizia, guidava «una bicicletta nera che non passava inosservata, un beach cruiser dal telaio con forme arrotondate». Il sospetto è di «tipo latino, si esprime in un pessimo tedesco, ha i denti rovinati e i capelli scuri». Lo si vede soltanto in un video in bianco e nero un po' sfuocato proveniente da una videocamera di sorveglianza. Non è ancora stato arrestato.

In Svizzera, sono numerosi i casi come questi che tengono la popolazione in allerta. Un gran numero di crimini irrisolti è alla base delle liste di ricercati dalla polizia cantonale. Si tratta nella maggior parte dei casi di rapine, più raramente di omicidi. Si fa appello a possibili testimoni, che a volte ricevono persino una ricompensa. Ad esempio, nel caso dell'omicidio dell'adolescente di 17 anni, essa ammonta a 10'000 franchi.

Quest'immagine, proveniente da una videocamera di sorveglianza, mostra il presunto assassino dell'adolescente di 17 anni.
Quest'immagine, proveniente da una videocamera di sorveglianza, mostra il presunto assassino dell'adolescente di 17 anni.
Kapo ZH

Quadruplo omicidio e assassinio di un padre di famiglia

La polizia di Berna promette anche il doppio a chiunque sia in grado di fornire informazioni su un noto crimine commesso 20 anni fa, un caso che non è ancora stato chiarito. La sera del 27 luglio 1998, quattro persone furono uccise davanti al vecchio tea-room «Safari». Quattro persone avrebbero partecipato all'assalto armato – ma è stato necessario attendere il 2012 perché uno dei sospetti in fuga venisse finalmente arrestato in Turchia. È stato condannato all'ergastolo a Istanbul, ma rifiuta di esprimersi circa le circostanze di questo quadruplo omicidio. Quanto ai suoi tre complici, sono ancora in libertà.

Sempre a Berna, sono 15 anni che la polizia ricerca l'omicida dell'albanese del Kosovo Imri Djeledini, ritrovato assassinato nell'Altisbergwald, a Kräiligen (Berna), nel 2003. Secondo la polizia, questo padre di famiglia, che aveva 35 anni all'epoca, era il «coproprietario di una società di armamenti ed era molto conosciuto nell'ambito dei rigattieri». Malgrado una ricerca approfondita nell'ambito delle conoscenze della vittima, un passaggio televisivo nella trasmissione «Aktenzeichen XY» e la promessa di una ricompensa di 10'000 franchi, la polizia non è ancora riuscita a identificare l'autore dei fatti.

Ricerca dei banditi

Le telecamere di videosorveglianza permettono spesso di identificare gli autori delle rapine, ma in alcuni casi le ricerche possono prolungarsi a lungo. Ad esempio, sono quattro anni che la polizia di Zurigo ricerca un rapinatore armato che ha cercato di attaccare una stazione di servizio di Adlikon, a Andelfingen, nell'agosto del 2014. L'uomo incappucciato non ha rubato soldi, né ferito nessuno e non è ancora stato ritrovato, malgrado la promessa di una ricompensa di 5000 franchi.

I negozi delle stazioni di servizio sembrano particolarmente apprezzati dai malviventi: è trascorso circa un anno da che a Pratteln (Basilea-Campagna), la polizia ricerca un rapinatore scappato a piedi con un bottino di diverse centinaia di franchi.   Sono già più di tre anni che la polizia di Zurigo ricerca un rapinatore che ha attaccato una sede bancaria del quartiere di Wollishofen a Zurigo, nel marzo del 2015, fuggendo con un bottino di diverse centinaia di franchi. Secondo l'inchiesta, il zurighese, che ha tra i 23 e i 35 anni, parlava in dialetto, era in possesso di un'arma da fuoco e ha messo il denaro derubato in un sacchetto di plastica gialla. A chiunque sia in grado di fornire informazioni utili su questo sconosciuto è stata promessa una ricompensa di 5000 euro.  

A volte, la polizia ricerca anche criminali che sono già stati arrestati: così, sono tre anni che la polizia cantonale di San Gallo è alla ricerca del detenuto in fuga Pajtim Haziraj, colpevole di «furto in banda armata». Nel 2015, al termine di alcuni mesi di detenzione, è riuscito a sfuggire dall'ufficio del ministero pubblico nel corso di un interrogatorio. Si è liberato dalle sue corde legate alle caviglie ed è fuggito a piedi. Malgrado subito siano state avviate le ricerche, la polizia non ha più ritrovato le sue tracce.  

Sono tre anni che la polizia cantonale di San Gallo è alla ricerca del detenuto in fuga Pajtim Haziraj.
Sono tre anni che la polizia cantonale di San Gallo è alla ricerca del detenuto in fuga Pajtim Haziraj.
Kapo St. Gallen

Nessuna classificazione, ma ricompense elevate

Gli avvisi di ricerca pubblici portano i loro frutti anche in altri paesi. Mentre gli Stati Uniti hanno stilato una classifica, l'Ufficio federale di polizia criminale (BKA) in Germania ha pubblicato online una lista senza classifica – ed è in particolare alla ricerca di informazioni sull'assassino e fuggitivo Norman Franz, ricercato da più di 20 anni. Sono ricercati criminali e persone scomparse – ma anche testimoni di omicidi e persone che hanno informazioni sull'identità delle vittime. 

Gli inquirenti rinviano a statistiche pubblicate dalla ZDF in occasione dei 50 anni della trasmissione televisiva «Aktenzeichen XY... ungelöst». Ne deriva che la trasmissione sarebbe associata a un tasso di chiarimenti del 40 per cento. Secondo la BKA, gli avvisi di ricerca pubblici possono aiutare la polizia in molte maniere: quando non incitano i testimoni a divulgare delle informazioni importanti, possono portare un criminale a commettere un errore – o, per via della forte pressione, a consegnarsi personalmente agli inquirenti. L'empatia suscitata da queste chiamate costituirebbe essa stessa un fattore chiave di riuscita.

Così, i bambini vittime di abusi sessuali, per esempio, generano presso la popolazione un sentimento di compassione particolarmente forte. «Ciò suscita dunque un importante interesse mediatico e causa una moltiplicazione degli avvisi di ricerca», ha reso noto il BKA. Dal 2017, la polizia ha fatto ricorso in tre occasioni agli avvisi di ricerca pubblici. In ognuno di questi casi, la polizia ha potuto identificare un sospetto nelle 24 ore. A volte, alcuni casi che risalgono a diversi anni fa possono ancora essere risolti con l'aiuto della popolazione, come ha potuto constatare il BKA.

Anche se alcuni presunti membri dell'ex Frazione dell'Armata Rossa (RAF) o persone che hanno commesso crimini a nome del Partito nazionale socialista sotterraneo figurano nella lista delle persone ricercate, l'Ufficio federale della polizia criminale non utilizza classificazioni alla «Most Wanted» come la polizia americana dell'FBI. Tuttavia, le ricompense sono a volte molto allettanti: viene promessa ad esempio la somma di 80'000 euro a chiunque sia in grado di fornire informazioni sul vecchio trio della RAF composto da Daniela Klette, Ernst-Volker Staub e Burkhard Garweg.

La Svizzera in immagini

Tornare alla home page