Un anno dopo il collasso

La favola di Eriksen continua a stupire

dpa - fon

13.6.2022

Eriksen è più sereno.
Getty

Il nazionale danese Christian Eriksen sta vivendo la vita con più serenità, un anno dopo il suo collasso al Campionato europeo di calcio.

dpa - fon

13.6.2022

Per molti versi, il trentenne oggi si sente come prima del momento drammatico di Copenaghen. Ma: «Probabilmente sono ancora più rilassato e pronto a dare ancora di più in altri modi», ha dichiarato il centrocampista all'agenzia di stampa danese «Ritzau» in occasione dell'anniversario dell'incidente.

«Sono più ‹rilassato›, anche se prima non ero stressato». Naturalmente, oggi considera alcune cose in modo diverso rispetto a prima del 12 giugno 2021.

Al Parken Stadium di Copenaghen Eriksen si era improvvisamente accasciato sul campo a causa di un arresto cardiaco durante l'esordio della Danimarca agli Europei contro la Finlandia. I soccorritori avevano dovuto rianimarlo mentre i compagni di squadra di Eriksen proteggevano la drammatica scena dal mondo esterno. Il centrocampista, allora dell'Inter, è già tornato a vestire la maglia della nazionale nel marzo di quest'anno.

Come quello di prima

Fisicamente il centrocampista è tornato al cento per cento, come dimostrano le sue tre presenze in Nations League: «Non ho mai avuto dubbi», ha commentato il 30enne, dopo la sua 114esima partita internazionale.

A livello di club Eriksen gioca dallo scorso febbraio con il Brentford, squadra neo promossa in Premier League. Tuttavia, il suo contratto scade a fine mese e secondo i media britannici, il danese interessa a molti club, in particolare al Manchester United.

Si parla però anche di un possibile ritorno al Tottenham Hotspur, squadra dove aveva militato dal 2013 al 2020, prima di vestire la maglia dell'Inter.

L'effetto benefico

Il quotidiano «berlingske» ha riferito che dopo l'arresto cardiaco di Eriksen, 25'000 danesi si sono iscritti come «Corridori del cuore», i quali vengono istruiti e in seguito chiamati ad intervenire quando qualcuno nelle vicinanze è vittima di un malore.