Complicazioni inattese Duro colpo per l'ex allenatore di Federer, ecco cosa è successo a Lundgren

fon

17.10.2023

Peter Lundgren al lavoro con un giovane Roger Federer.
Peter Lundgren al lavoro con un giovane Roger Federer.
Imago

Dopo una lunga permanenza in ospedale Peter Lundgren, ex allenatore di Roger Federer e Stan Wawrinka, ha dovuto farsi amputare un piede.

fon

17.10.2023

Hai fretta? blue News riassume per te

  • Dopo una lunga permanenza in ospedale, l'ex allenatore di Roger Federer, Peter Lundgren, ha dovuto far amputare il piede sinistro a causa di un infortunio e delle seguenti complicazioni dovute al diabete di tipo 2.
  • Lundgren ha sofferto di «cattiva circolazione» a causa del suo diabete, ciò ha ostacolato il processo di guarigione.
  • Nella sua carriera di tennista e allenatore, Lundgren ha raggiunto il 25esimo posto nel ranking mondiale e ha lavorato con top player come Federer, Safin, Baghdatis, Dimitrov e Wawrinka.
  • Recentemente, Lundgren è stato mentore del giovane tennista elvetico Dominic Stricker. Il bernese ha ottenuto un notevole successo agli ultimi US Open.

Sono parole scioccanti quelle con cui Peter Lundgren ha iniziato il suo ultimo post su Facebook. Lo svedese, che allenava Roger Federer nel 2003 al suo primo trionfo in un torneo del Grande Slam a Wimbledon, ha scritto: «Voglio darvi un aggiornamento. Purtroppo dieci giorni fa ho dovuto far amputare il mio piede sinistro».

Il motivo: nelle ultime settimane un infortunio ha avuto conseguenze molto gravi. A metà settembre, Lundgren si era rotto la caviglia sinistra. Già allora aveva detto: «Dovrò stare in ospedale a lungo per guarire e per trattare l'infezione». Tuttavia, quest'ultima si è rivelata troppo persistente, rendendo necessaria l'amputazione.

«Ora sto di nuovo bene»

Lundgren spiega di soffrire inoltre di diabete di tipo 2, il che ha reso la guarigione più difficile a causa di una «cattiva circolazione». L'incidente di settembre è stata anche la ragione per cui ha dovuto vendere il pappagallo di famiglia, «Peppo», che aveva ricevuto dalla madre nel corso di quest'anno. L'uccello è stato un vero membro della famiglia per 17 anni, ma ora ha trovato una nuova casa.

Lundgren ha anche postato una foto della sua gamba sinistra fasciata, amputata poco sotto il ginocchio, aggiungendo: «Ora sto di nuovo bene. Presto inizierò la mia riabilitazione. E per me significa: dare tutto».

Una vita da giocatore e allenatore

L'ex tennista professionista vive nella cittadina di Sundsvall, a circa quattro ore di auto a nord di Stoccolma. Al picco della sua carriera Lundgren aveva raggiunto il 25mo posto nel ranking mondiale, durante l'era in cui la Svezia, con Björn Borg, Stefan Edberg e altri, aveva una vera posizione di potere nel circuito. Prima di diventare allenatore il 58enne aveva vinto tre tornei ATP.

Oltre al periodo di successo con Federer tra il 2000 e il 2003, lo svedese aveva lavorato anche con altri «Top Player» come Marat Safin, Marcos Baghdatis e Grigor Dimitrov. Dal 2010 al 2011, Lundgren era stato anche l'allenatore di Stan Wawrinka per poco più di un anno, prima della vera e propria esplosione di Stan, avvenuta insieme a un altro coach svedese: Magnus Norman.

Recentemente al lavoro con un altro tennista elvetico

Di recente Lundgren è stato mentore e consulente per la giovane promessa elvetica Dominic Stricker. Il 21enne ha compiuto un'impresa sensazionale agli scorsi US Open avanzando fino agli ottavi di finale, nel suo percorso a Flushing Meadows aveva messo in riga anche il grande favorito Stefanos Tsitsipas.