Afghanistan

«L'Occidente e i talebani condividono lo stesso problema»

Di Sven Hauberg

29.8.2021

Un combattente talebano all'aeroporto di Kabul: l'area esterna all'aeroporto è stata scossa da un pesante attacco giovedì.
Un combattente talebano all'aeroporto di Kabul: l'area esterna all'aeroporto è stata scossa da un pesante attacco giovedì.
KEYSTONE

Dopo l'attacco all'aeroporto di Kabul, è chiaro che l'ISIS sta diventando sempre più un problema anche in Afghanistan. Lo studioso d'islam Reinhard Schulze, dell'Università di Berna, spiega in un'intervista cosa significa questo per l'Afghanistan.

Di Sven Hauberg

29.8.2021

Di recente ci sono stati ripetuti avvertimenti che l'Afghanistan potrebbe diventare un rifugio per i terroristi quando i talebani avranno preso definitivamente il potere. È sorpreso che l'attacco devastante all'aeroporto di Kabul sia arrivato così rapidamente?

L'attacco faceva parte di una serie di attività svolte dal cosiddetto Stato Islamico in Afghanistan. I servizi di intelligence hanno indicato che l'ISIS avrebbe colto l'opportunità di effettuare un attentato durante le operazioni di sfollamento. Da questo punto di vista, non è stato sorprendente. Ma il fatto che sia successo così rapidamente dimostra che l'IS ha, almeno apparentemente, un'infrastruttura sufficiente a Kabul per permettergli di effettuare un attacco così rapido. 

L'esperto
Reinhard Schulze è professore emerito di studi islamici e filologia orientale moderna. Dal 2018 dirige il Forum Islam e Medio Oriente all'Università di Berna.
zVg

Reinhard Schulze è professore emerito di studi islamici e filologia orientale moderna. Dal 2018 dirige il Forum Islam e Medio Oriente all'Università di Berna.

I servizi segreti non sapevano delle strutture dell'ISIS a Kabul?

Gran parte delle informazioni sull'IS che gli Stati occidentali hanno si basano sui servizi segreti afghani. E negli ultimi giorni e nelle ultime settimane sono stati molto sotto stress. Posso immaginare che i servizi non abbiano necessariamente esaminato le attività dell'ISIS nelle sue zone di ritiro in Afghanistan. Forse non se ne sono occupati per un certo periodo e di conseguenza non hanno preso misure preventive per prevenire un tale attacco. 

L'ISIS è considerato un rivale dei talebani. Qual è la differenza tra i due gruppi?

C'è più di una semplice rivalità tra i due gruppi. Si tratta piuttosto di un antagonismo fondamentale. Lo «Stato Islamico» vede i talebani come eretici, inaffidabili e infedeli. Per i talebani, invece, l'ISIS rappresenta un classico problema di terrorismo, un problema che anche l'Occidente ha con l'ISIS. L'Occidente e i talebani condividono quindi lo stesso problema, ed è da questo che l'ISIS guadagna la sua forza. Perché può rivendicare di essere il luogo originario della lotta contro l'Occidente, e quindi anche contro i talebani.

Anche i talebani hanno sottovalutato l'ISIS?

Non credo. Ma i talebani probabilmente non hanno ancora uno strumento a Kabul per controllare il pericolo rappresentato dall'ISIS.

I talebani riusciranno a risolvere questo problema?

Poiché l'ISIS è fortemente radicato in due province dell'Afghanistan orientale e ha anche buoni rapporti con le aree tribali del Pakistan, può darsi che i talebani abbiano delle difficoltà a mettere sotto controllo queste due province. Per ora non sembra che ci riusciranno. Ma cercheranno comunque di sbarazzarsi di questi concorrenti. Perché l'ISIS, ovviamente, mina massicciamente l'autorità dei talebani. Se i talebani fossero poi costretti a entrare in una coalizione operativa con gli Stati Uniti, sarebbe un colpo enorme per la loro immagine.

Sembra quasi che una guerra civile tra l'ISIS e i talebani sia imminente.

È più probabile che una guerra civile non avvenga. L'ISIS non è abbastanza forte e ha solo circa 4000-5000 combattenti sotto le armi. I talebani, d'altra parte, hanno truppe d'élite di circa 80.000 uomini. Quindi non si può parlare necessariamente di una guerra civile, ma piuttosto di una continuazione della situazione di battaglia nell'Afghanistan orientale. Non so se questo porterà ad un conflitto nell'est del paese. Il problema per i talebani è che l'ISIS sta indebolendo il loro potere esecutivo, così che i gruppi di resistenza nel nord del paese, per esempio, potrebbero sentirsi incoraggiati ad agire contro i talebani. Ciò potrebbe portare a una situazione a due fronti per i talebani.

L'amministrazione Biden crede di poter sconfiggere l'ISIS in Afghanistan con droni e attacchi aerei che non sono controllati dall'Afghanistan ma dagli Stati del Golfo. È realistico?

Suona come arroganza. L'idea di poter effettuare attacchi con dei droni in Afghanistan da Ramstein mostra quanto le unità operative siano lontane dalle condizioni locali. Non hanno idea di quanto sia forte l'ISIS nelle province orientali, di quanto siano coinvolte le forze straniere. Tutta la situazione in loco sarà giudicata male. Lo si è già visto nello Yemen, dove l'ISIS doveva essere combattuto dall'estero con droni statunitensi. Ma la tattica non ha avuto alcun effetto, tranne che ogni tanto uno dei principali attori dell'ISIS veniva ucciso. Senza il coinvolgimento delle truppe di terra, l'ISIS non può essere realmente indebolito nemmeno in Afghanistan.

Joe Biden ha detto nel suo discorso sull'Afghanistan: «Il paese non è mai stato unito nella sua storia. È composto da molte tribù diverse che non sono mai andate d'accordo». Ha ragione?

La valutazione è un po' «orientalista». Apparentemente si immagina l'Afghanistan come a un paese di guerrieri tribali, come i Balcani nel XIX secolo. Il che è troppo semplicistico. La definizione di ciò che costituisce l'Afghanistan come nazione è fortemente contestata. È vero che non c'è nessun tipo di consenso sociale. Ma c'è l'aspirazione di ampie parti della popolazione a stabilire una tale unità nazionale, anche al di là delle frontiere tracciate da tribù o clan e altre associazioni. L'idea che l'Afghanistan sia costituito da un gruppo di società tribali che si scannano costantemente tra di loro è troppo semplicistica.