La biografa della Regina Paola Calvetti

«Solo un ordine del padre potrebbe riunire Harry e William»

Di Franziska Pahle

2.10.2022

La biografa della Regina Paola Calvetti racconta a blue News cosa significa la morte di Elisabetta per i reali, come re Carlo III configurerà il suo nuovo ruolo e se sia possibile una riconciliazione tra il principe Harry e la famiglia.

Di Franziska Pahle

2.10.2022

Signora Calvetti, l'8 settembre la regina Elisabetta se n'è andata all'età di 96 anni. Cosa significa la sua morte per i membri della Famiglia Reale?

Per loro tutto cambierà. Carlo è re, William è principe di Galles ed entrambi dovranno immaginare una monarchia «diversa»: Elisabetta se n'è andata per sempre e con essa il rispetto del popolo, che deve essere guadagnato giorno per giorno.

È pensabile una monarchia senza la regina Elisabetta?

Sì, ma non avrà più l'approvazione che aveva sotto di lei: il rispetto va guadagnato.

Ma come fanno i reali a ottenere questo rispetto?

Con il lavoro. Credo che re Carlo III ridurrà l'«apparato» e che gli unici reali che rimarranno saranno i cosiddetti reali lavoratori. In altre parole, coloro il cui lavoro contribuisce a rendere accettabile la monarchia.

Come si comporterà Carlo nel suo ruolo di re?

Sarà il primo grande re «ecologico», impegnato nella difesa del pianeta e sensibile ai problemi legati al riscaldamento globale e all'agricoltura biologica. Decenni fa era considerato un aristocratico eccentrico. Oggi si può dire che le sue lotte sono sempre più urgenti e non possono essere evitate. Spero sinceramente che le continui.

E come sarà re Carlo come persona? La Regina è spesso sembrata molto distante dal suo popolo.

Sarà un re attento e sensibile. Lo attende un compito enorme, perché coloro che lo hanno preceduto e ciò che sua madre ha creato non possono essere ripetuti.

La moglie di re Carlo, Camilla, regina consorte, ha da tempo un rapporto difficile con il popolo. Come affronterà la nuova situazione?

Adoro Camilla! È paziente, intelligente e divertente. Camilla sarà per Carlo quello che Filippo è stato per Elisabetta: una spalla su cui appoggiarsi, una roccia su cui reggersi.

E il principe William e la principessa Catherine e Harry e Meghan? Si riconcilieranno di nuovo?

No, ormai si sono separati: solo un intervento, un «ordine» del padre potrebbe riunirli.

Quindi non ci si può aspettare un'offerta di pace da parte del principe William al fratello?

William non vuole più sentirne parlare. Come sua nonna, ha scelto la Corona, non la famiglia. Almeno, non per quel che riguarda suo fratello.

Non è solo la Famiglia Reale a essere colpita dalla morte della Regina. C'è grande solidarietà in tutto il mondo. Perché il suo decesso tocca così tante persone?

Data l'età di Elisabetta II, tutti se lo aspettavano, ma per una nazione - e direi anche per un intero pianeta - che ha «visto» solo lei, la sua morte è uno shock. Non sarà mai sostituita: rimane unica. Non vedremo mai più un regno di settant'anni. Non è esagerato dire che con la sua morte un secolo, con la sua cultura, la sua storia e i suoi protagonisti, è perduto per sempre.

Ma cosa rendeva la Regina così speciale?

L'ho amata per una cosa molto semplice, apparentemente insignificante: è sempre stata una persona seria. Non era destinata a diventare regina. Non era previsto. Ma quando è successo, a 25 anni, non si è tirata indietro.

E lo ha fatto fino alla fine.

Giusto. Due giorni prima ha consegnato la carica alla nuova premier britannica e 48 ore dopo si è spenta in Scozia! Ha fatto il suo dovere fino all'ultimo respiro e ha unito la Gran Bretagna. Non ci sono paragoni nella storia, nemmeno la regina Vittoria era così impegnata nel suo compito.

Quali momenti della Regina resteranno indimenticabili?

Molti. Sono così tanti che è impossibile elencarli. Il suo viaggio in Irlanda nel 2014, cento anni dopo quello di suo nonno, è stato straordinario. Quando è arrivata a Belfast, ha stretto la mano al terrorista riabilitato ispiratore dell'IRA.

Avevano ucciso suo zio Lord Mountbatten. Ma conosceva l'importanza di un gesto conciliante.

Signora Calvetti, lei si è occupata intensamente della Regina per molti anni. Che significato ha per lei la sua morte?

L'ho studiata a fondo per scrivere la sua biografia e più la studio, più la amo. Seguo sempre tutto ciò che viene trasmesso dalla BBC. È come se fosse morta una vecchia amica. Ma sono felice di poterla onorare attraverso il mio lavoro. Sulla base del mio libro, ho scritto un film documentario che uscirà il prossimo autunno. Ritratto di regina, è il titolo. Il «mio» ritratto, la «mia» regina.

Il libro di Paola Calvetti «Elisabetta II. Ritratto di regina» è disponibile nei negozi.

Questa intervista è stata condotta per iscritto.